logo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore

Made with love by

Select Themes
works/scritture
×
about
×
tour
×

the phenomenon that has long broken the boundaries of theater and it is welcomed as if it were a rock concert

Cristian Ceresoli is a writer, born in Bergamo in 1975. His debut writing is La Merda (2012). The “extraordinary, brutal, disturbing and human” (The Times) text on the human condition earned him the Fringe First Award for Writing Excellence (first Italian ever), the Arches Brick Award for Emerging Art and a nomination for the Total Theater Award for Innovation at the Edinburgh Festival Fringe in 2012. In Italy, among others, the Critics Award.

 

La Merda, originally written in Italian, is translated, published or staged around the world in numerous other languages, including English, Greek, Danish, Czech, Spanish, Galician, Portuguese, French, German, Swedish, Norwegian and being translated into other languages. The work is published in a bilingual edition by the English publisher Oberon Books in 2012 and in 2017 in Italy by Gallucci HD.

 

La Merda manifests as a stream of consciousness where, in poetry, the bulimic and revolting public confidence of a “young” ugly woman who tries with obstinacy, resistance and courage to break through the society of the Thighs and Freedoms is unleashed.

 

The original production, performed in English or Italian by The Stage Award Winning actress Silvia Gallerano, has enjoyed great success with audiences and critics all over the world (from Europe to Brazil, from Australia to North America). Eight years after his debut, the phenomenon that has long broken the boundaries of theater and it is welcomed as if it were a rock concert, continues its live tour, recording sold out both in large cities and in the remote suburbs and provinces.

 

The Brazilian production (A Merda) interpreted by Christiane Tricerri, as well as the Danish production (Lort) interpreted by Danica Curcic and the Norwegian one (Dritt) with Helga Guren, make a long tour studded with sold out and prestigious national awards.

In 2009 he wrote a sung opera, with original music, dedicated to the Gospels inlaid to the Israeli-Palestinian conflict, entitled La Dolorosa (2009). On commission of the Arena di Verona, he writes the opera libretto Othello Sex Machine (2013).

 

In 2019 the debut in Denmark and Italy, in 2020 in Norway, of his new writing a lysergic and psychedelic play entitled Happy Hour (2019). The “desperate, chilling, fierce and poetic” (The Scotsman) work was composed starting from 2007, as if it were the second fragment of the same landscape, as if (with La Merda) the two works illuminated parts of the same painting. Happy Hour has been nominated at Copenhagen Culture as Best New Play

 

It is a score (or city) where amusing mass deportations occur, in which the most colorful of fascisms is affirmed. A poem of tendency to the overwhelming rhythm of an uninterrupted and daily happy hour, in a delirious renewal of the language, crossed by a humanity that enjoys life, gheparded clothing and is willing to do anything to defend their enthusiasm.

 

The Italian production with Silvia Gallerano & Stefano Cenci and the Danish production with Özlem SaglanmakAsbjorn Krogh Nissen are both directed by Simon Boberg, an internationally renowned Danish director, formerly director of the theatrical and television production of Lort (La Merda) in Denmark. The Norwegian production with Helga Guren & Karl Vidar directed by Audny Chris Holsen makes its debut in September 2020.

 

Ceresoli is now writing his first film Home Video Memories that will be directed by acclaimed cinema director Roberta Torre (starring Silvia Gallerano) and his first tv series The Butterflies with acclaimed Irish tv director Conor Morrissey (EastEnders).

From 2013 he collaborates with the Olivier, TONY and EMMY Award-winning producer Richard Jordan Productions.

Awards for La Merda

 

Edinburgh Fringe First Award 2012 for Writing Excellence

The Stage Award 2012 for Acting Excellence to Silvia Gallerano

Arches Brick Award 2012 for Emerging Art

Total Theatre Award 2012 for Innovation (Nomination)

Premio della Critica 2012 Miglior Spettacolo

Jury Award Giovani Realtà del Teatro 2010

Audience Award Giovani Realtà del Teatro 2010

Dodicidonne ATCL Lazio Award 2010 to Silvia Gallerano

Edinburgh Fringe Sell-out Show 2012 & 2013

Reumert Award 2015 for Best Actress to Danica Curcic

Prêmio Aplauso Brasil 2018 (Nomination) to Christianne Tricerri

Norwegian Hedda Award 2019 for Best Actress to Helga Guren

 

 

Awards for Happy Hour

 

 

Best New Play for a non-Danish Writer 2019 Copenhagen Culture (Nomination)

***

 

 

International Press on La Merda

 

 

‘Una obra sublime tan brutal.’

El País (Spain)

 

 

‘Extraordinary, uncompromising and entirely unforgettable. Rich, absorbing worlds that suck you in and shake you up, leaving you disorientated, disturbed and exhilarated’

★★★★ The Times (UK)

 

 

‘Um ato de revolta e libertade. Na sua ira discursiva, com verdades e delírio, o que surge é o ser humano entrevisto e retratado na alta literatura’

Estadão (Brazil)

 

 

‘Extraordinary, terrifying and hard to taste, hard to ignore. A piece so literally and metaphorically naked, raw and angry that you leave the theatre feeling as if you’ve had all your skin scraped off’

★★★★ The Guardian (UK)

 

 

‘Gallerano’s visceral performance will stay with you for years’

★★★★★ The Stage (UK)

 

 

‘Think Beckett on steroids. A furious stream-of-consciousness.’

The Georgia Straight (Canada)

 

 

‘Devastating stream of consciousness. One of the most wonderfully full–on performance ever seen’

★★★★ The Scotsman (UK)

 

 

‘È come entrare in un circo. La belva pronta, sul trampolo. Guarda, annuisce, ruggisce. Di fronte a lei, senza alcun riparo, tutti i domatori. La Merda, di Cristian Ceresoli, fra le decine e decine di premi, vinti in tutto il mondo, non è uno spettacolo. È un’esperienza. Assoluta. Quindici minuti di applausi finali. Imperdibile.’

La Repubblica (Italy)

 

 

‘Estamos falando da verdadeira revolução pretendida pelo cineasta Píer Paolo Pasolini’

★★★★ Folha de São Paulo (Brazil)

 

 

‘It is anti fascist as well as anti abuse; against people who play for power over others. Parts of this show are so politically incorrect that they come at you from unexpected angles. Certainly the whole piece is pushing boundaries of theatre in new ways.’

The Advertiser (Australia)

 

 

‘How a culture of celebrity feeds a returning tide of European neo-Nazism’

ABC (Australia)

 

 

‘Teater, der virkelig vil os noget’

★★★★★ Politiken (Denmark)

 

 

‘Brash, brutal, beastly, yet beautiful. Raw, touching, intelligent and mesmerising. Unforgettable.’

★★★★ The List (UK)

 

 

Utterly compelling verbal symphony. Somewhat perversely, the compelling honesty

of what follows is simply irresistible’

★★★★ The Herald (UK)

 

 

‘Il monologo rivoluzionario.’

Il Sole 24 Ore (Italy)

 

 

‘Una voce s’è desta. Un grido di dolore. Uno stimolo a liberare il nostro paese.’

L’Unità (Italy)

 

 

‘This is skin in the tradition of Artaud and it is powerful, political & poetic.’

★★★★★ Examiner (USA)

 

 

‘A manifest of anger and tenderness, a stand-up tragedija’

Ore (Lithuania)

 

 

‘Pragtfuld Silvia Gallerano sig i det mest forbløffende monolog-manuskript siden.’

★★★★★ GregersDH (Denmark)

 

 

***

 

 

International Press on Happy Hour

 

 

‘Desperate and chilling, a fierce commentary on a society spinning helplessly towards barbarism; it blazes with the kind of poetic and theatrical energy that leaves audiences not depressed, but exhilarated and empowered.’

★★★★ The Scotsman (UK)

 

 

‘A play that surprises like surrealism and sounds like a symphony,

angry, passionate and compelling.’

Total Theatre (UK)

 

 

’An incredibly acted, grotesquely comedic and brutal journey

through a fascist, totalitarian landscape.’

★★★★ The Wee Review (UK)

 

 

‘A larger than life performance’

The Independent (UK)

Seductive & innocent.

★★★★★ Gregers (Denmark)

 

 

Violent and scary.

★★★★★ Ungt Teaterblod (Denmark)

 

 

Inevitable.

★★★★ Sceneblog (Denmark)

 

 

Strong and rhythmic.

★★★★ Kulturtid (Denmark)

2022

7 APRIL 2022 – BERGAMO, ITALY / Teatro Sociale – HAPPY HOUR

6 MARCH 2022 – ROMA, ITALY /  Auditorium Parco della Musica – LA MERDA #10 YEARS

2 MARCH 2022 – BOLOGNA, ITALY / Teatro Duse –  LA MERDA #10 YEARS

24, 25 FEBRUARY 2022 – MILANO, ITALY / Teatro Leonardo – LA MERDA  #10 YEARS

2022 – TORINO, ITALY /  LA MERDA #10 YEARS

2022 – FIRENZE, ITALY /  LA MERDA #10 YEARS

 

2021

31 JULY 2021 – PIOMBINO, ITALY / Contamina Festival – HAPPY HOUR

12 >14 MAY 2021 – GENOVA, ITALY / Teatro Nazionale – HAPPY HOUR

 

 

2020

17 > 23 AUGUST 2020 – Zoo TV / Edinburgh Fringe Festival – LA MERDA STREAMING

14, 15 FEBRUARY 2020 – MILANO, ITALY / Teatro Leonardo – LA MERDA SOLD OUT

5 SEPTEMBER >  17 OCTOBER 2020 – STAVANGER, NORWAY / Rolagand Teater – HAPPY HOUR (NORWEGIAN)

ITALIAN BOOKING

Paola Farinetti
Phone  +39 335 8337365‬
email

 

 

INTERNATIONAL BOOKING

Richard Jordan Productions Ltd
Phone +44 7779 013148‬
email

2019

31 JULY > 26 AUGUST 2019 – EDINBURGH, UK / Edinburgh Fringe Festival – HAPPY HOUR IN ENGLISH WORLD PREMIERE

17 > 26 JULY 2019 – JERSEY ISLAND, UK / Jersey Arts Centre – HAPPY HOUR IN ENGLISH, REHEARSING + 2 PREVIEWS

23 JUNE 2019 – ASTI, ITALY / Festival Asti Teatro – HAPPY HOUR SOLD OUT

11 > 12 JUNE 2019 – OSLO, ITALY / Heddadagene Festival – DRITT (LA MERDA)

18 MAY 2019 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – ORGIA DELLE SCRITTURE × BACCHANALIA

14 > 18 MAY 2019 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – WRITING MASTERCLASS × BACCHANALIA

2 > 5 MAY 2019 – ROMA, ITALY – HAPPY HOUR IN ENGLISH, REHEARSING + 2 READINGS

30 MARCH 2019 – VITERBO, ITALY / Teatro Caffeina – LA MERDA

29 MARCH 2019 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – ORGIA DELLE SCRITTURE × BACCHANALIA

26 > 29 MARCH 2019 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – WRITING MASTERCLASS × BACCHANALIA

24 MARCH 2019 – SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC), ITALY / Cinema Teatro Moderno – HAPPY HOUR

23 MARCH 2019 – FABBRICO (RE), ITALY / Teatro Pedrazzoli – HAPPY HOUR

9 MARCH 2019 – PARMA, ITALY / Teatro del Cerchio – LA MERDA

7 MARCH 2019 – BOLOGNA, ITALY / Teatro Duse – LA MERDA

3 MARCH 2019 – MILANO, ITALY / Teatro Leonardo – HAPPY HOUR ANTEPRIMA MILANESE

28 FEBRUARY > 2 MARCH 2019 – MILANO, ITALY / Teatro Leonardo – LA MERDA

15 FEBRUARY 2019 – COPENHAGEN, DENMARK / Teater Grob – HAPPY HOUR IN ENGLISH, FIRST READING

24 JANUARY > 14 FEBRUARY 2019 – COPENHAGEN, DENMARK / Teater Grob – HAPPY HOUR (DANISH)

2018

26 NOVEMBER 2018 – BORGO VALSUGANA (TN), ITALY / Auditorium Borgo Valsugana – LA MERDA

8 > 11 NOVEMBER 2018 – ROMA, ITALY / Carrozzerie n.o.t – HAPPY HOUR ANTEPRIMA ROMANA SOLD OUT

6 NOVEMBER 2018 – SOLIERA (MO), ITALY / Arti Vive – HAPPY HOUR SOLD OUT

30 OCTOBER > 4 NOVEMBER 2018 – PRATO, ITALY / Teatro Metastasio – HAPPY HOUR ITALIAN PREMIERE SOLD OUT

4 OCTOBBER > 1 NOVENBER 2018 – STAVANGER, NORWAY / Rogaland Teater – DRITT (LA MERDA)

26 > 27 SEPTEMBER 2018 – FREDRIKSTAD, NORWAY – DRITT (LA MERDA)

25 SEPTEMBER 2018 – ASKIM, NORWAY – DRITT (LA MERDA)

21 SEPTEMBER 2018 – MOSS, NORWAY – DRITT (LA MERDA)

18 SEPTEMBER 2018 – SARPSBORG, NORWAY – DRITT (LA MERDA)

16 SEPTEMBER 2018 – MOSS, NORWAY / Moss NonStop International Theater Festival – DRITT (LA MERDA) NORWEGIAN PREMIERE

14 > 15 SEPTEMBER 2018 – MODUGNO (BA), ITALY / CAE Masseria Carrara – CRISTIAN CERESOLI’S WRITING MASTERCLASS

9 SEPTEMBER 2018 – ALBA (CN), ITALY / Attraverso Festival – SECONDO STUDIO HAPPY HOUR

9 > 20 JULY 2018 – PRATO, ITALY / Teatro Metastasio – HAPPY HOUR, REHEARSING

15 JULY 2018 – PERGINE (TN), ITALY / Pergine Festival – SECONDO STUDIO HAPPY HOUR

2 JUNE 2018 – COPENHAGEN, DENMARK / CPH Stage Festival – TALK WITH CRISTIAN CERESOLI & NASSIM SOLEIMANPOUR

22 > 24 MAY 2018 – OSLO, NORWAY – REHEARSING DRITT (LA MERDA), NORWEGIAN PRODUCTION

19 MAY 2018 – PALERMO, ITALY / TMO Teatro Mediterraneo Occupato – LA MERDA SOLD OUT

17 > 18 MAY 2018 – CATANIA, ITALY / Teatro Coppola, Teatro dei Cittadini – LA MERDA SOLD OUT

11 > 13 MAY 2018 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – LA MERDA SOLD OUT

7 > 8 MAY 2018 – SOMEWHERE SECRETELY, ITALY – HAPPY HOUR, DEVELOPING RESIDENCY

4 > 5 MAY 2018 – FIRENZE, ITALY / Teatro Rifredi – LA MERDA SOLD OUT

29 MARCH 2018 – PISTOIA, ITALY / Il Funaro – PRIMO STUDIO HAPPY HOUR SOLD OUT

24 > 30 MARCH 2018 – PISTOIA, ITALY / Il Funaro – HAPPY HOUR, DEVELOPING RESIDENCY

22 > 23 MARCH 2018 – ROMA, ITALY / Auditorium Parco della Musica – LA MERDA

13 MARCH 2018 – GORIZIA, ITALY / Teatro Verdi – LA MERDA

3 FEBRUARY 2018 – MILANO, ITALY / Teatro Leonardo – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

1 > 2 FEBRUARY 2018 – MILANO, ITALY / Teatro Leonardo – LA MERDA SOLD OUT

26 > 27 JANUARY 2018 – BRUXELLES, BELGIUM / KVS – LA MERDA (ENGLISH) SOLD OUT

2017

9 DECEMBER 2017 – CATANZARO, ITALY / Teatro Comunale – LA MERDA

2 DECEMBER 2017 – FERRAZZANO (CB), ITALY / Teatro del Loto – HAPPY HOUR, READING

27 > 30 NOVEMBER 2017 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – HAPPY HOUR, DEVELOPING RESIDENCY

25 > 27 OCTOBER 2017 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – LA DOLOROSA, DEVELOPING RESIDENCY

6 JULY 2017 – SOLIERA (MO), ITALY / Arti Vive Festival – HAPPY HOUR, READING

1-2 JULY 2017 – ROMA, ITALY / REDFest – ROCK ‘N’ ROLL SUICIDE, SILVIA GALLERANO E CRISTIAN CERESOLI’S WORKSHOP

14 JUNE 2017 – PRATO, ITALY / Festival Prato Estate – LA MERDA SOLD OUT

2 > 13 MAY 2017 – VANCOUVER, CANADA / The Cultch – LA MERDA IN ENGLISH

6 APRIL 2017 – BERGAMO, ITALY / Auditorium Piazza della Libertà – LA MERDA SOLD OUT

27 > 28 MARCH – CATANIA, ITALY / Teatro Coppola, Teatro dei Cittadini – LA MERDA SOLD OUT

26 MARCH 2017 – ENNA, ITALY / Teatro Garibaldi – LA MERDA

23 > 24 MARCH 2017 – ROMA, ITALY / Carrozzerie | n.o.t – FILMING LA MERDA / SPECIAL LIVE CINEMA EVENT SOLD OUT

19 MARCH 2017 – ROMA, ITALY / Festival Libri Come – LA MERDA, PRESENTAZIONE + READING LIBRO CD GALLUCCI EDITORE

18 MARCH 2017 – ROMA, ITALY / Teatro Due – LA MERDA, LA STORIA

10 > 12 MARCH 2017 – BOLOGNA, ITALY / Ert – Teatro delle Moline – XY, LA PRATICA DEL DOLORE

6, 13, 20 MARCH 2017 – ROMA, ITALY / Teatro Due – LA MERDA IN ENGLISH

1 > 20 MARCH 2017 – ROMA, ITALY / Teatro Due – LA MERDA SOLD OUT

27 FEBRUARY 2017 – RAI RADIO, ITALY / Il Teatro di Radio3 – LA MERDA + INTERVISTA A SILVIA GALLERANO E CRISTIAN CERESOLI

18 FEBRUARY 2017 – ABBADIA SAN SALVATORE (SI), ITALY / Cinema Teatro Amiata – LA MERDA SOLD OUT

2016

29 OCTOBER 2016 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – HAPPY HOUR, FIRST READING

24 > 30 OCTOBER 2016 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – #RABBIA13

21 AUGUST 2016 – SCANSANO (GR), ITALY / Teatro nel Bicchiere – LA MERDA

25 > 31 JULY 2016 – BATAVILLE, FRANCE / La Fabrique Autonome des Acteurs – LA MERDA, DEVELOPING RESIDENCY

4 > 9 JULY 2016 – ROMA, ITALY / Arci Malafronte – STUPORE + #RABBIA12

JUNE 2016 – LIVE TV, DENMARK / Dr TV – LORT (LA MERDA)

21 MAY 2016 – LISBON, PORTUGAL / Festival de Almada – LA MERDA SOLD OUT

30 APRIL > 19 JUNE 2016 – SÃO PAULO, BRASIL / Teatro Espaço Parlapatões – A MERDA (LA MERDA)

7 APRIL 2016 – ROMA, ITALY / Auditorium Parco della Musica – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

2 > 15 APRIL 2016 – COPENHAGEN, DENMARK / Husets Theater – LORT (LA MERDA)

1 > 3 APRIL 2016 – MILANO, ITALY / TeatRing – SILVIA GALLERANO ACTING WORKSHOP

14 > 18 MARCH 2016 – ROMA, ITALY / Centro Alta Formazione Teatro – STUPORE

11, 12, 13 MARCH 2016 – SOLIERA (MO), ITALY / Nuovo Cinema Teatro Italia – SILVIA GALLERANO ACTING WORKSHOP

10 MARCH 2016 – SOLIERA (MO), ITALY / Nuovo Cinema Teatro Italia – LA MERDA SOLD OUT

9 MARCH 2016 – CADELBOSCO (RE), ITALY / L’Altro Teatro – LA MERDA SOLD OUT

19 FEBRUARY 2016 – ROMA, ITALY / Auditorium Parco della Musica – LA MERDA  SOLD OUT

18 FEBRUARY 2016 – FIRENZE, ITALY / Teatro Puccini – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

17 FEBRUARY 2016 – BOLOGNA, ITALY / Teatro Duse – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

11 FEBRUARY 2016 – TORINO, ITALY / Teatro Colosseo – LA MERDA

6 FEBRUARY 2016 – BOLZANO, ITALY / Teatro Stabile di Bolzano – LA MERDA SOLD OUT

9 JANUARY 2016 – LECCE, ITALY / Cantieri Teatrali Koreja – LA MERDA SOLD OUT

2015

11 > 13 DECEMBER 2015 – BERGAMO, ITALY / Let’s Play – SILVIA GALLERANO LA MERDA’S WORKSHOP

2 DECEMBER 2015 – TORINO, ITALY / Circolo dei Lettori – BESTEMMIA. PASOLINI (READING)

26 > 28 NOVEMBER 2015 – MILANO, ITALY / TeatRing – SILVIA GALLERANO LA MERDA’S WORKSHOP

24 > 26 NOVEMBER 2015 – BELA VISTA (SÃU PAULO), BRAZIL / Teatro Sérgio Cardoso – A MERDA (LA MERDA)

22 NOVEMBER 2015 – ALBA, ITALY / Poetica – BESTEMMIA. PASOLINI (READING)

21 NOVEMBER 2015 – PRAGUE, CZECH REPUBLIC / The Dejvické Theatre – FERDINAND VANEK AWARD FOR LA PRATICA DEL DOLORE

17 > 19 NOVEMBER 2015 – BELA VISTA (SÃU PAULO), BRAZIL / Teatro Sérgio Cardoso – A MERDA (LA MERDA)

8 > 9 NOVEMBER 2015 – BIRMINGHAM, UK / mac – LA MERDA

5 > 6 NOVEMBER 2015 – MANCHESTER, UK / The Lowry – LA MERDA

12 OCTOBER 2015 – OURENSE, GALICIA (SPAIN) / Festival Internacional de Teatro de Ourense – LA MERDA

2 > 3 OCTOBER 2015 – URGNANO (BG), ITALY / Experimenta International Festival – LA MERDA SOLD OUT

27 SEPTEMBER 2015 – PARAGUACU PAULISTA, BRAZIL / Anfiteatro das Faculdades Gammon – A MERDA (LA MERDA)

26 SEPTEMBER 2015 – POMPÉIA, BRAZIL / Espaço Cultural Professora Carmen Célia Verri Maciel – A MERDA (LA MERDA)

20 SEPTEMBER 2015 – GUAÍRA, BRAZIL / Casa de Cultura Prof. João Augusto de Mello – A MERDA (LA MERDA)

19 SEPTEMBER 2015 – BARRETOS, BRAZIL / Teatro Cine Barretos – A MERDA (LA MERDA)

18 SEPTEMBER 2015 – MIGUELOPÓLIS, BRAZIL / Centro Cultural de Miguelópolis – A MERDA (LA MERDA)

13 SEPTEMBER 2015 – GUARIBA, BRAZIL / Sede Social do Guaribinha Clube – A MERDA (LA MERDA)

12 SEPTEMBER 2015 – MOCOCA, BRAZIL / Teatro Municipal Pedro Angelo Camim – A MERDA (LA MERDA)

5 > 6 SEPTEMBER 2015 – SAO JOSE DOS CAMPOS, BRAZIL / Sesc São José dos Campos A MERDA (LA MERDA)

1 SEPTEMBER 2015 – MOGI GUACU, BRAZIL / Teatro TUPEC – A MERDA (LA MERDA)

25 > 30 AUGUST 2015 – EDINBURGH, UK / Edinburgh Fringe Festival, Summerhall – LA MERDA

9 JULY > 16 AUGUST 2015 – SÃU PAULO, BRAZIL / Sesc Pinheiros – A MERDA (LA MERDA) SOLD OUT

1 AUGUST 2015 – GAVORRANO, ITALY – LA MERDA SOLD OUT

21 JULY 2015 – RIBADAVIA, GALICIA (SPAIN) / Mostra Internacional de Teatro de Ribadavia – LA MERDA SOLD OUT

12 JULY 2015 – TIVOLI, ITALY / Tivoli Chiama, Festival delle Arti – LA MERDA

26 > 27 JUNE 2015 – BERLIN, GERMANY / Maxim Gorki Theater – LA MERDA SOLD OUT

10, 12, 13, 14 JUNE 2015 – COPENHAGEN, DENMARK / CPH Stage, Husets Theater – LORT (LA MERDA) SOLD OUT

7 JUNE 2015 – MASSA, ITALY / Memofest – LA MERDA SOLD OUT

15 > 17 MAY 2015 – MILANO, ITALY / TeatRing – SILVIA GALLERANO ACTING WORKSHOP

12 MAY 2015 – VILNIUS, LITHUANIA / The Small State Theater – LA MERDA SOLD OUT

22 APRIL 2015 – PRATO, ITALY / World Book Day – TALK WITH CRISTIAN CERESOLI

18 APRIL 2015 – BELLUNO, ITALY / Teatro Comunale – LA MERDA

16 APRIL 2015 – BOLOGNA, ITALY / Teatro Duse – LA MERDA SOLD OUT

15 APRIL 2015 – LUMEZZANE (BS), ITALY / Teatro Odeon – LA MERDA

12 APRIL 2015 – ALBA, ITALY / Teatro Sociale – LA MERDA SOLD OUT

11 APRIL 2015 – GENOVA, ITALY / Teatro Archivolto – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

10 APRIL 2015 – GENOVA, ITALY / Teatro Archivolto – LA MERDA SOLD OUT

9 APRIL 2015 – FIRENZE, ITALY / Teatro Puccini – LA MERDA SOLD OUT

19 > 21 MARCH 2015 – MADRID, SPAIN / Festival de Otoño a Primavera – LA MERDA SOLD OUT

5 > 8 MARCH 2015 – ADELAIDE, AUSTRALIA / Adelaide Festival of Arts – LA MERDA

11 > 28 MARCH 2015 – AALBORG, DENMARK / Teater Nordkraft – LORT (LA MERDA)

20 FEBRUARY 2015 – PALERMO, ITALY / Teatro Garibaldi – LA MERDA SOLD OUT

24 > 25 JANUARY 2015 – COSENZA, ITALY / Teatro dell’ Acquario – LA MERDA SOLD OUT

17 JANUARY > 8 FEBRUARY 2015 – COPENHAGEN, DENMARK / Husets Theater – LORT (LA MERDA) SOLD OUT

31 JANUARY 2015 – VASTO (CH), ITALY / Teatro Rossetti – LA MERDA SOLD OUT

24 > 25 JANUARY 2015 – COSENZA, ITALY / Teatro dell’Acquario – LA MERDA SOLD OUT

5 JANUARY 2015 – CAGLIARI, ITALY / Teatro Massimo, Teatro Stabile della Sardegna – LA MERDA SOLD OUT

2014

29 NOVEMBER 2014 – RIMINI, ITALY / Teatro degli Atti – LA MERDA SOLD OUT

17 OCTOBER 2014 – SALERNO, ITALY / Centro Sociale Auditorium – LA MERDA SOLD OUT

16 OCTOBER 2014 – ROMA, ITALY / Via del Mandrione, 105 – LA MERDA SPECIAL EVENT SOLD OUT

10 > 12 OCTOBER 2014 – NAPOLI, ITALY / Galleria Toledo – LA MERDA

8 > 9 OCTOBER 2014 – CAMPOBASSO, ITALY / Teatro del Loto – LA MERDA SOLD OUT

5 JULY 2014 – PERGINE (TN), ITALY / Pergine Festival – LA MERDA

4 JULY 2014 – ASTI (TO), ITALY / Asti Teatro – LA MERDA SOLD OUT

3 JULY 2014 – TORINO, ITALY / Scuola Holden – LA MERDA SOLD OUT

13 > 15 JUNE 2014 – COPENHAGEN, DENMARK / CPH Stage – LA MERDA SOLD OUT

22 > 23 MAY 2014 – BRISTOL, UK / Mayfest
 – LA MERDA

15 > 17 MAY 2014 – BERLIN, GERMANY / Studio Я, Maxim Gorki Theater – LA MERDA SOLD OUT

15 APRIL > 4 MAY 2014 – LONDON, UK / Soho Theatre 
– LA MERDA

10 > 11 APRIL 2014 – GLASGOW, SCOTLAND / The Arches
 – LA MERDA

31 MARCH 2014 – LUGANO, SWITZERLAND / Teatro Foce – LA MERDA SOLD OUT

30 MARCH 2014 – COLLEGNO (TO), ITALY / Villa 5 – LA MERDA SOLD OUT

15 MARCH 2014 – MONTESCUDO (RN), ITALY / Teatro Rasaspina – LA MERDA SOLD OUT

14 MARCH 2014 MONTEMARCIANO (AN), ITALY / Teatro Alfieri – LA MERDA SOLD OUT

9 MARCH 2014 – MILANO, ITALY / Macao – LA MERDA SOLD OUT

9 FEBRUARY 2014 – ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

7 > 8 FEBRUARY 2014 – ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato – LA MERDA SOLD OUT

2013

7 DECEMBER 2013 BARI, ITALY / Teatro Kismet – LA MERDA SOLD OUT

6 DECEMBER 2013 – BARI, ITALY / Officina degli Esordi 
– CRISTIAN CERESOLI’S LECTURE ON LA MERDA

29 NOVEMBER 2013 – CREMA (CR), ITALY / Teatro San Domenico – LA MERDA

28 NOVEMBER 2013 – CANTÙ (CO), ITALY / Teatro San Teodoro – LA MERDA SOLD OUT

26 NOVEMBER 2013 PESCARA, ITALY / Cine Teatro Massimo
 – LA MERDA

23 NOVEMBER 2013 – SAN LAZZARO (BO), ITALY / ITC Teatro – LA MERDA SOLD OUT

17 NOVEMBER 2013 – MILANO, ITALY / Teatro Elfo Puccini – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

12 > 17 NOVEMBER 2013 MILANO, ITALY / Teatro Elfo Puccini – LA MERDA SOLD OUT

11 NOVEMBER 2013 – MILANO, ITALY / Università Cattolica – CRISTIAN CERESOLI AND SILVIA GALLERANO’S LECTURE ON LA MERDA

27 SEPTEMBER 2013 SASSARI, ITALY / Teatro Civico – LA MERDA SOLD OUT

14 > 25 AUGUST 2013 EDINBURGH, UK / Summerhall, Edinburgh Fringe Festival – LA MERDA SOLD OUT

15 JUNE 2013 – COPENHAGEN, DENMARK / Festival European Contemporary Playwritings 2013 – LORT (LA MERDA) READING SOLD OUT

***LA MERDA TOUR SUSPENDED APRIL > JULY 2013***

09 > 10 MARCH 2013 – SESTO FIORENTINO (FI), ITALY / Teatro della Limonaia – LA MERDA SOLD OUT

03 MARCH 2013 – MACERATA, ITALY – No Man’s Island
 – NOTES FOR A SOLO, LA MERDA

02 MARCH 2013 CASCINA (PI), Italy / La Città del Teatro di Cascina – LA MERDA SOLD OUT

06 FEBRUARY 2013 – JERSEY ISLAND, UK / Jersy Arts Centre – LA MERDA

23 > 27 JANUARY 2013 ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato – LA MERDA SOLD OUT

16 > 21 JANUARY 2013 MILANO, ITALY / Teatro i – LA MERDA SOLD OUT

12 JANUARY 2013 – PONTERANICA (BG), ITALY / Erbamil – LA MERDA SOLD OUT

2012

28 > 29 NOVEMBER 2012 BRIGHTON, UK / The Basement – LA MERDA SOLD OUT

9 NOVEMBER 2012 – ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato, Commons Cafe
 – LA MERDA (THE SHIT) / PRESENTING THE BOOK PUBLISHED BY OBERON BOOKS (LONDON, UK)

11 NOVEMBER 2012 – ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

07 > 11 NOVEMBER 2012 ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato – LA MERDA SOLD OUT

04 NOVEMBER 2012LIVE RADIO3 / Zazà
 – LA MERDA

03 NOVEMBER 2012 – CASTROVILLARI (CS), ITALY / Primavera dei Teatri Festival – LA MERDA SOLD OUT

28 OCTOBER 2012 TORINO, ITALY / Lavanderie Ramone – LA MERDA SOLD OUT

20 OCTOBER 2012 – VENEZIA, ITALY / Teatro Goldoni, Teatro Stabile del Veneto – LA MERDA SOLD OUT

30 SEPTEMBER 2012 – TORTOLÌ (OG), ITALY / Teatro San Francesco, Sguardi sul Presente
 – LA MERDA SOLD OUT

04 > 26 AUGUST 2012 EDINBURGH, UK / Summerhall, Edinburgh Fringe Festival – LA MERDA WORLD PREMIERE SOLD OUT

28 > 30 JULY 2012 – BRIGHTON, UK / The Basement
 – LA MERDA, DEVELOPING RESIDENCY #2

18 > 22 JUNE 2012 BRIGHTON, UK / The Basement
 – LA MERDA, DEVELOPING RESIDENCY #1

01 JUNE 2012 – ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato, Sostanze Volatili
 – LA MERDA

25 MAY 2012 ROMA, ITALY / Teatro Palladium, Teatri di Vetro – LA MERDA SOLD OUT

31 MARCH 2012 – MILANO, ITALY / Teatro i – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

29 > 31 MARCH 2012 MILANO, ITALY / Teatro i – LA MERDA ITALIAN PREMIERE SOLD OUT

24 MARCH 2012 – LIVE RADIO / Radio3 – 
LA MERDA, EXCERPTS

22 > 24 MARCH 2012 – AZZANO (BG), ITALY / La Mànsiòn 
– LA MERDA, DEVELOPING RESIDENCY

13 MARCH 2012 LIVE RADIO / Radio Onda Rossa – LA MERDA

05 > 07 MARCH 2012 – GUBBIO, ITALY / Laboratorio 365
 – LA MERDA, DEVELOPING RESIDENCY

30 JANUARY 2012 – BRESCIA, ITALY / Amicicompliciamanti
 – LA MERDA, SECONDO STUDIO

2011

02, 03 NOVEMBER 2011 – BOLOGNA, ITALY / Gender Bender International Festival – LA MERDA, SECONDO STUDIO SOLD OUT

25 > 27 OCTOBER 2011 – NAPOLI, ITALY / Galleria Toledo – 
LA MERDA, SECONDO STUDIO

04 OCTOBER 2011 – MILANO, ITALY / MilanOltre, Vetrina Italia – LA MERDA, SECONDO STUDIO

27 NOVEMBER 2011 ROMA, ITALY / Teatro Valle
 Occupato – LA MERDA, EXCERPT

23 JUNE 2011 – ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato – LA MERDA, EXCERPT

16 JUNE 2011 – SOLIERA (MO), ITALY / Arti Vive Festival 2011
 – LA MERDA, PRIMO STUDIO

11 JUNE 2011 – URGNANO (BG), ITALY / Festival Internazionale Experimenta 
– LA MERDA, PRIMO STUDIO

09 JUNE 2011 AZZANO (BG), ITALY / La Mansiòn
– LA MERDA, DEVELOPING RESIDENCY

31 MAY 2011 – ROMA, ITALY / Alphesus – Marte Live 2011
– LA MERDA, EXCERPT

18 MARCH 2011 – TORINO, ITALY / Ex Cimitero S.Pietro in Vincoli – LA MERDA, FIRST READING SOLD OUT

ITALIAN BOOKING

Paola Farinetti
Phone  +39 0173 366549
email

 

 

INTERNATIONAL BOOKING

Richard Jordan Productions Ltd
Phone +44 (0) 207 243 9001
email

L’Espresso / Cristian Ceresoli Interview, Terza Parte

Gianfranco Fiaschini, L’Espresso, 19 Febbraio 2021

Con gli occhi degli artisti. Cristian Ceresoli. Il corpo delle cose e la morte.

 

Ci sono modi diversi di spogliarsi. C’è il modo di Silvia Gallerano che compare nuda in scena su uno sgabello nel rappresentare La merda, ma di questo parleremo con lei la prossima settimana. C’è il modo di Marco Ceresoli che si mette a nudo attraverso le parole, esponendosi così agli sguardi impietosi del pubblico. Questa è l’ultima parte della sua intervista.


Perché chiami partitura il testo de La Merda?
La partitura è una mia adorata forma d’espressione. Siccome amo molto la musica mi sono avvicinato allo studio delle strutture musicali, alla matematicità del lavoro di composizione della musica. Insieme a Pasolini scoprivo Bach. Non tanto studiandolo sui libri, ma passando un incredibile quantità di ore al giorno nell’ascolto delle sue partiture. Una cosa che poi ho smesso, che però mi ha caratterizzato per circa quindici anni. Quando mi sono trovato a scrivere la forma ideale per la scrittura per me è stata proprio quella del canto. La merda è scritta in tre movimenti e un contro movimento, come se fosse una partitura. Mi trovo molto a mio agio nella costruzione di partiture letterarie perché offre un’incredibile libertà espressiva.


Per me ancora oggi l’esperienza della scrittura è un’esperienza fisica. È paradossale perché la scrittura si sviluppa attraverso due mani che toccano dei tasti. Però è come se il mio trasporto avesse una matrice fisica, corporea. Di conseguenza il lavoro che nasce con Silvia e con gli altri attori mantiene questa caratteristica. Per poter svolgere queste partiture, raccontando quello che raccontano, vengono richieste grandi capacità mnemoniche e di immedesimazione, un portato fisico del corpo, del sudore, del sangue, straordinari, di essere generosi ma allo stesso tempo precisi. Mi è capitato di incontrare delle persone molto generose ma imprecise sulla partitura, o precise sulla partitura ma aride nell’interpretare. Quindi, l’incontro con Silvia è stato un incontro molto fortunato per me. Così come l’incontro con Stefano Cenci in Happy Hour, e con gli interpreti in Danimarca e in Norvegia che sono stati in grado di tenere fede alla precisione della partitura musicale ma di dare anche tanta carne.


Mi stai svelando la macchina scenica e della scrittura. Queste partiture le leggevi o le ascoltavi?
Ascoltavo. Io spesso lascio la radio accesa su programmi culturali, notiziari, e contemporaneamente ascolto musica. In questo periodo riesco ad ascoltare anche della musica cantata, quindi con parole in inglese, in italiano, e nello stesso tempo scrivere. Per me è un esercizio necessario perché è un modo per imparare anche a gestire musicalmente una scrittura, a mettere insieme più contenuti, a far coesistere per esempio due, tre personaggi in uno, se si tratta di costruire un personaggio, oppure a far coesistere le caratteristiche di una persona, di un personaggio, nella stessa frase. Ancorché, a volte negli scritti in poesia, nelle stesse parole. E questa cosa me l’ha insegnata Bach, il contrappunto bacchiano. Back seguiva una, due, tre linee melodiche contemporaneamente. Non abbiamo un coro è una voce solista. Glenn Gould a proposito di Bach diceva che è un’esplosione simultanea di diverse idee.


Torniamo al corpo. Che cos’è per te il corpo e che ruolo ha avuto nel tuo teatro?
Per me il corpo nell’arte, nel teatro, non è certamente quella cosa che ha due braccia, due gambe, e una testa, se ci riferiamo al corpo umano. Quando tu mi chiedi di corpo nel teatro io penso a Shakespeare. Penso alla vita chi si annida dentro a quelle scritture, e poi anche a tutte le donne a tutti gli uomini che le hanno interpretate nel tempo, e ancora oggi. Penso alla sostanza delle cose. Penso a una sostanza che gronda sudore, ma anche sangue. Perché l’ho sperimentata anche dal punto di vista fisico. Cioè io ho avuto la possibilità di praticare l’arte in assenza di parola con Grotowski e con Gabriele Vacis. Ho fatto esperienza di mesi, di pratica di espressione corporea in assenza di parola. Però per me il corpo non si riferisce in particolare a quell’esperienza, ma si riferisce più a quello che consegue da quell’esperienza, che può anche diventare verbale come ne La merda. L’importante è il corpo delle cose, la sostanza, il fatto di non fare sconti a nessuno, e non fare sconti verso se stessi. Il corpo per me è un po’ l’essenza. È il cuore.
Mi piace quando in italiano diciamo corpo come per dire la parte centrale, la parte fondamentale. Per me il corpo è la sostanza.

 

Gli altri tuoi lavori sono in continuità con La Merda?
Happy Hour sì. Ed è in preparazione una terza opera. È come se La merda, Happy Hour, e questa nuova opera fossero tre parti di uno stesso dipinto. La nuova opera, che immagino con un grande numero di interpreti, sarà un’altra parte dello stesso paesaggio. Per quanto riguarda il film che sto scrivendo con Roberta Torre, e per cui abbiamo anche vinto un premio al Ministero per la scrittura della sceneggiatura, non è in continuità. E allo stesso modo sto scrivendo con un regista irlandese un progetto per una serie TV, e ancora una volta non è in continuità. Il libro si. Poi che cosa significa continuità. Nel momento in cui mi trovo a trattare la materia della scrittura, e di tutto quello di cui ti ho parlato, del corpo, della sostanza, della forma, dell’esprimersi in poesia, è chiaro che parlo della sostanza delle cose. Quello è il terreno su cui mi sembra di muovermi quasi sempre, un terreno comune in tutte le mie scritture.


Quello che cerco è di esprimermi costruendo storie, costruendo visioni, paesaggi, mondi, particolareggiati. Però senza mai allontanarmi dalla sostanza delle cose che è politica, che è sociale, che è antropologica, che è quotidiana. Che è quello che insieme stiamo vivendo, ma che abbiamo continuato a vivere e continueremo a vivere.
Non so con quale concezione poi uno voglia vedere il tempo. Però spesso quando scrivo mi sento in connessione con quello che è stato prima, con lo scrivere, il vivere, e quello che sarà dopo. Quindi rimane comune per me in tutte le scritture una percezione trans temporale, e una scelta di poesia su quello che poi ha delle ricadute sul quotidiano.


La pandemia ha messo in risalto i guasti del teatro italiano. Da dove arrivano? Come si può uscirne? Mi sembra che tu di questi guasti sia espressione. Sei dovuto migrare per trovare i tuoi spazi e il tuo successo. Il tuo vero trampolino di lancio è stato Edimburgo.

Esattamente, esattamente. Senza Edimburgo noi artisticamente saremmo morti. Vedevamo solo la via del suicidio, cioè del cambiare mestiere, con tutte le problematiche che avremmo avuto. Perché avendo una tensione così grande sarebbe stato molto difficile non vivere da artisti. Ancora oggi è difficile, ho problemi economici, romanticamente, come si dice degli artisti. Nel mio caso è proprio vero. Io ho continuamente la battaglia del raggiungimento della quota dell’affitto, del poter riuscire a fare la spesa, del poter pagare per i propri figli. Ma non è affatto un problema. È una cosa che è consustanziali alla mia vita. Sono sereno.
Ho avuto in passato dei momenti di sconforto quando non avevo letteralmente l’euro nel portafoglio per pagare un caffè. A volte io aiutavo Silvia. Poi è successo a Silvia di aiutare me. In questo momento il lavoro con l’estero per me e il lavoro con il cinema di Silvia ci ha portato a una fase leggermente migliore. Non ci troviamo con le pezze al culo come anche solo quattro o cinque anni fa, dopo aver fatto tre o quattro anni di tour in giro per il mondo. Ti assicuro che il tour mondiale non ha portato grandi redditi. Perché se giri per il mondo vai in tanti posti, e chi ti ospita deve pagare i giorni lavorativi per te, per i tecnici, deve pagare i costi di viaggio. Andare in Canada e andare in Australia è stato un grande costo. Ci sono stati dei festival molto onerosi, che all’artista corrispondevano solo una parte. Questo se vuoi è uno dei problemi strutturali che noi abbiamo messo in risalto occupando un teatro al centro di Roma, al centro dell’Europa, che è stato il teatro Valle occupato per tre anni.

Io e Silvia Gallerano e tantissimi altri artisti attivisti, abbiamo messo in risalto come per esempio non c’è solo un problema di mancate risorse. C’è anche un problema di cattiva gestione delle risorse. Ovvero, molte istituzioni teatrali hanno dei costi altissimi per le strutture e molto poco poi rimane per i progetti, e per gli artisti. Questo è un problema.
Erano stati fatti degli studi durante l’occupazione del Valle, parliamo del settanta, novanta per cento dei fondi per mantenere in vita le strutture, e per i progetti rimaneva il dieci per cento.
Questo era un guasto che era venuto a galla e resta a galla inesorabilmente. Perché intanto tutta una serie di persone perdono il lavoro, e poi quasi nessuno di questi teatri si è mai preoccupato, salvo rare eccezioni, del proprio benessere economico, cioè del proprio sostentamento. Hanno sempre mirato ad ottenere le caratteristiche necessarie per ottenere il finanziamento triennale successivo. Quindi hanno sempre cercato di far fare tante repliche alle proprie produzioni. Hanno sempre adottato la logica di scambi, hanno cercato di ospitare gli spettacoli del teatro della città X per poi andare nella città X per fare lo spettacolo Y prodotto dalla propria realtà. Questo non tanto per fare girare delle economie ma per accumulare delle giornate lavorative.
Più giornate lavorative un teatro, un’istituzione, dimostra, più ha diritto ai finanziamenti dell’anno successivo. Questo ha portato i teatri a una crisi straordinaria, li ha svuotati. I teatri non si sono mai domandati come ci siamo dovuti domandare noi “Come si fa a gestire un teatro da mille posti?”.


C’è il contenuto, c’è l’opera che io porto, ma c’è anche la relazione, c’è anche la pubblicità e il marketing. Non sono dei diavoli di destra, non sono delle forme oppressive. Sono delle forme che chiunque vive in una società deve rispettare. Abbiamo dovuto occuparci della pubblicità dello spettacolo La Merda, dovevamo pensare alle persone che sarebbero volute venire ad ascoltare questa cosa in particolare.


Molte realtà che si definiscono di ricerca sono anni che ottengono finanziamenti medio piccoli per continuare a produrre in proprio e rivolgersi, ahimè, a un gruppo sparuto di addetti ai lavori. E parliamo di quello che viene definito teatro di ricerca, teatro sperimentale. Dall’altra parte, ci sono quei teatri commerciali, tantissimi teatri, che riempiono i teatri solo con nomi televisivi o comunque con nomi che hanno girato la rete. Il che vuol dire che molte volte hai delle opere di qualità e straordinarie, ma molte altre volte hai solo dei ciarlatani che ti servono a riempire il teatro.


Noi, con la nostra storia, con la nostra prima produzione, che ci ha fatto terra bruciata attorno abbiamo voluto provare a proporci in quei teatri anche commerciali portando una proposta poetica. Ma non seria, non superiore, solo la nostra proposta di artisti, poetica.


In alcuni ambienti è difficile anche parlare di David Bowie perché è troppo pop, per quella che una sparuta macchia di sedicenti artisti di ricerca, illuminati, ritengono che sia la loro missione, e quello che la cultura debba fare. Secondo me questo è un grande equivoco che deriva dagli anni Settanta. Abbiamo un retaggio culturale, di produzione intellettuale e intellettualistica, che parla solo ad alcuni, e ha lasciato il campo libero ad altri, a Silvio Berlusconi, ad altre proposte come la sua.


Cristian si interrompe. Si focalizza sul corpo, sulle proprie sensazioni.
Aspetta un attimo che bevo. Sento la voce impallata. Le medicine purtroppo mi asciugano la saliva tra le altre cose. L’antidepressivo ad esempio, una cosa che ho scoperto, non mi fa più lacrimare. Mi commuovo, mi rattristo, senza riuscire a ad espellere delle lacrime.


Prendo spunto dalle sue parole per proporgli la domanda successiva.

La pandemia ma non solo, anche la tua storia clinica, ci fanno confrontare con la nostra fragilità, con l’idea della morte. Che cosa è la morte per te? Come possiamo confrontarci con l’idea della morte?
Sospira profondamente prima di rispondere come se prendesse la rincorsa.
Ho un punto di vista fortunato. Perché concretamente dispongo delle risposte a questa domanda.
Il mio psichiatra e il mio psicoterapeuta sostengono, e lo ritengo anche io, che nel momento della pandemia, tutto questo tipo di patologie è peggiorato.


Perché non potendo più frequentare altre persone, spesso non potendo lavorare, questo isolamento nutre proprio il lato peggiore di queste malattie. Sicuramente io ho fatto molto più fatica perché prima semplicemente non passavo mai una settimana intera a Roma, perché c’erano tante repliche in giro, perché venivo invitato. In più mi piaceva molto questo equilibrio di trovarmi in solitudine per alcuni giorni, sette, otto, dieci giorni, e poi trovarmi in viaggio. Adoro proprio viaggiare. Quindi, sicuramente il quadro clinico viene aggravato.


Per quel che riguarda la morte è come se per la prima volta nella mia vita potessi disporre di risposte proprio per lo stato in cui io sono caduto il 15 luglio del 2019. Io ho avuto un’esperienza che per me è un’esperienza di morte in vita. Mi sono svegliato alle cinque di mattina al buio, angosciato, come se avessi subito un grave lutto, come se fosse morta mia figlia. Ti assicuro che la sensazione era d’angoscia, senza capire l’origine di questo. Senza avere avuto tra l’altro casi come questo nella mia vita a cui fare riferimento.


Questa angoscia mi ha molto spaventato. Mi sono ritrovato in piedi, in una stanza, senza avere nessun tipo di stimolo. Non avevo fame, non avevo sete, non avevo sonno, non avevo niente da fare di interessante. Ad un certo punto quello che mi sono detto è stato “Prova ad andare in bagno a fare pipì”. Dopo aver fatto pipì sono entrato in uno stato pressoché catatonico. Laddove l’unica possibilità è stata quella di vedere davanti a me la sagoma di Silvia, di aggrapparmi a lei.

 

La mia fortuna è stata quella di trovare Silvia e tutto quell’incredibile numero di persone che invece ha capito, ha compreso. E si è relazionata a me non in modo accondiscendente, e mi ha sempre tenuto in considerazione, non mi ha emarginato.
Per me l’esperienza più simile alla morte è stata quella. Io me la ricordo nitidamente e l’ho già descritta nelle prime pagine del mio libro. Nel tempo, nell’avvicinarsi della pandemia è come se io avessi iniziato la mia fase di risoluzione della malattia. E come se avessi iniziato a guarire proprio nel momento dell’inizio della pandemia. Quindi, io ho continuato a guarire, solo in modo estremamente più lento e con uno strumento incredibile verso questa pandemia. Perché arrivando dalla mia posizione patologica, dalla mia malattia, è come se avessi potuto considerare tutti, la situazione in cui l’umanità è entrata, con più lucidità. Ma senza essere troppo prosaico o poetico. Per esempio mi è molto più facile capire questa mancanza di speranza nel futuro che hanno già i bambini delle scuole elementari o i ragazzini delle superiori, non solo nel nostro paese. Questa è proprio un tipo di sensazione che si sperimenta con la depressione.


La depressione ti toglie qualsiasi tipo di interesse e di entusiasmo nelle cose che fai. Fai delle cose semplicemente perché il corpo ha un meccanismo. Quindi un determinato numero di ore le dormi, altre non le riesci a dormire, stai dritto, seduto sul letto. Non riesci a star fermo perché star fermo ti angoscia. Non riesci nemmeno a far nulla perché sei completamente debole, stanco. Ti viene da addormentarti. Quindi, la sensazione che io ho avuto a lungo, e ancora oggi ho, è di svegliarmi la mattina e non vedere l’ora di addormentarmi la sera. Perché l’unico momento che avevo tregua dalla morte era il momento in cui chiedevo gli occhi e mi addormentavo.


La tua storia privata e la storia collettiva hanno un punto di incontro.
Hanno coinciso. Qualcuno ha detto “Hai semplicemente avuto una sensibilità tale da vivere tale fenomeno con anticipo”. Lo so. Mi fa ridere.

 

Da quello che ho visto di Happy Hour sembra che questa ipotesi fantastica non sia poi così fantastica. Sembri anticipare i tempi della pandemia quando parli degli anziani abbandonati, della costrizione alla felicità che non guarda la realtà. Mi sembra la descrizione del momento che stiamo vivendo in cui gli anziani muoiono nelle RSA e a cui non possiamo tenere la mano.
Guarda. È così opportuna questa riflessione, che proprio per questa ragione Happy Hour è stata una delle ragioni della mia malattia.


Happy Hour non è un’opera così riuscita come La merda. Dal punto di vista estetico è effettivamente uno spettacolo che fino a un certo punto ti conquista, ti trascina, per poi invece perdersi. In qualche modo in quel momento per me la forma più adatta per esprimermi era quella del fallimento. Secondo me Happy Hour ha avuto un successo relativo perché sono conosciuto in Danimarca, Svezia, e l’hanno voluto mettere in scena. E anche in Italia un piccolo aiutino, diciamo così, dal teatro Metastasio di Prato c’è stato. Però io penso che ci sia questa cosa che in qualche modo fallisce, proprio perché io ero già vittima di questo tipo di sensazione. Anche proprio nei termini in cui tu l’hai descritta. Non l’ho voluta fare così. Io ho cercato di farne un’opera che potesse funzionare, che avesse il suo giusto intrattenimento, ma non ce l’ho fatta. Guardandola mi addolora, mi dispiace, perché penso di non essere riuscito a confezionare quell’opera in maniera estetica, in senso buono. A un certo punto si sfascia.


Quanto è difficile portare in scena un nuovo prodotto?

Qual è il problema? Che ancora oggi nei diversi settori, e questo con la pandemia viene allo scoperto, è molto difficile per molti artisti riuscire a pubblicare un libro, a presentare al pubblico uno spettacolo. Oggi viviamo un fenomeno nuovo che io leggo con grande interesse, che è quello dell’autoproduzione. Oggi ci sono fenomeni che muovono ingenti capitali come con Billie Eilish, dove il video dell’ultima canzone è un video che ha fatto suo fratello in un ipermercato, ed è una produzione pressoché artigianale, che però diventa poi anche una scelta stilistica, espressiva.


Secondo me non vanno a vincere tanto le strutture grosse e finanziate che pensano di riuscire arrivare a farsi ascoltare semplicemente mettendo in fila una serie di titoli e facendo un podcast. Secondo me riusciranno a farsi ascoltare quelle persone che hanno avuto sempre, come l’abbiamo avuto noi, il problema di arrivare a doversi presentare al consesso umano, alla cittadinanza, al paese, alla quotidianità, cioè riuscire ad essere pubblici.


Perché vengono fatti milioni di spettacoli con una replica e cinque spettacoli che durano più di un anno? Quando potremmo occuparci di fare cose più durature, più belle, meglio organizzate, meglio allestite, far durare di più le buone idee? Perché questa schizofrenia? Perché una casa editrice oggi per sopravvivere deve fare un tot di pubblicazioni? Perché oggi si crede così poco nei progetti e bisogna farne tanti? Perché tanti festival? Questa è una schizofrenia secondo me. Ed è contrastata dal fenomeno dell’auto editing. Ora c’è una paralisi. Non si fa niente. Le cose più valide vengono dall’autoproduzione.