logo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore

Made with love by

Select Themes
works/scritture
×
about
×
tour
×

the phenomenon that has long broken the boundaries of theater and it is welcomed as if it were a rock concert

Cristian Ceresoli is a writer, born in Bergamo in 1975. His debut writing is La Merda (2012). The “extraordinary, brutal, disturbing and human” (The Times) text on the human condition earned him the Fringe First Award for Writing Excellence (first Italian ever), the Arches Brick Award for Emerging Art and a nomination for the Total Theater Award for Innovation at the Edinburgh Festival Fringe in 2012. In Italy, among others, the Critics Award.

 

La Merda, originally written in Italian, is translated, published or staged around the world in numerous other languages, including English, Greek, Danish, Czech, Spanish, Galician, Portuguese, French, German, Swedish, Norwegian and being translated into other languages. The work is published in a bilingual edition by the English publisher Oberon Books in 2012 and in 2017 in Italy by Gallucci HD.

 

La Merda manifests as a stream of consciousness where, in poetry, the bulimic and revolting public confidence of a “young” ugly woman who tries with obstinacy, resistance and courage to break through the society of the Thighs and Freedoms is unleashed.

 

The original production, performed in English or Italian by The Stage Award Winning actress Silvia Gallerano, has enjoyed great success with audiences and critics all over the world (from Europe to Brazil, from Australia to North America). Eight years after his debut, the phenomenon that has long broken the boundaries of theater and it is welcomed as if it were a rock concert, continues its live tour, recording sold out both in large cities and in the remote suburbs and provinces.

 

The Brazilian production (A Merda) interpreted by Christiane Tricerri, as well as the Danish production (Lort) interpreted by Danica Curcic and the Norwegian one (Dritt) with Helga Guren, make a long tour studded with sold out and prestigious national awards.

In 2009 he wrote a sung opera, with original music, dedicated to the Gospels inlaid to the Israeli-Palestinian conflict, entitled La Dolorosa (2009). On commission of the Arena di Verona, he writes the opera libretto Othello Sex Machine (2013).

 

In 2019 the debut in Denmark and Italy, in 2020 in Norway, of his new writing a lysergic and psychedelic play entitled Happy Hour (2019). The “desperate, chilling, fierce and poetic” (The Scotsman) work was composed starting from 2007, as if it were the second fragment of the same landscape, as if (with La Merda) the two works illuminated parts of the same painting. Happy Hour has been nominated at Copenhagen Culture as Best New Play

 

It is a score (or city) where amusing mass deportations occur, in which the most colorful of fascisms is affirmed. A poem of tendency to the overwhelming rhythm of an uninterrupted and daily happy hour, in a delirious renewal of the language, crossed by a humanity that enjoys life, gheparded clothing and is willing to do anything to defend their enthusiasm.

 

The Italian production with Silvia Gallerano & Stefano Cenci and the Danish production with Özlem SaglanmakAsbjorn Krogh Nissen are both directed by Simon Boberg, an internationally renowned Danish director, formerly director of the theatrical and television production of Lort (La Merda) in Denmark. The Norwegian production with Helga Guren & Karl Vidar directed by Audny Chris Holsen makes its debut in September 2020.

 

Ceresoli is now writing his first film Home Video Memories that will be directed by acclaimed cinema director Roberta Torre (starring Silvia Gallerano) and his first tv series The Butterflies with acclaimed Irish tv director Conor Morrissey (EastEnders).

From 2013 he collaborates with the Olivier, TONY and EMMY Award-winning producer Richard Jordan Productions.

Awards for La Merda

 

Edinburgh Fringe First Award 2012 for Writing Excellence

The Stage Award 2012 for Acting Excellence to Silvia Gallerano

Arches Brick Award 2012 for Emerging Art

Total Theatre Award 2012 for Innovation (Nomination)

Premio della Critica 2012 Miglior Spettacolo

Jury Award Giovani Realtà del Teatro 2010

Audience Award Giovani Realtà del Teatro 2010

Dodicidonne ATCL Lazio Award 2010 to Silvia Gallerano

Edinburgh Fringe Sell-out Show 2012 & 2013

Reumert Award 2015 for Best Actress to Danica Curcic

Prêmio Aplauso Brasil 2018 (Nomination) to Christianne Tricerri

Norwegian Hedda Award 2019 for Best Actress to Helga Guren

 

 

Awards for Happy Hour

 

 

Best New Play for a non-Danish Writer 2019 Copenhagen Culture (Nomination)

***

 

 

International Press on La Merda

 

 

‘Una obra sublime tan brutal.’

El País (Spain)

 

 

‘Extraordinary, uncompromising and entirely unforgettable. Rich, absorbing worlds that suck you in and shake you up, leaving you disorientated, disturbed and exhilarated’

★★★★ The Times (UK)

 

 

‘Um ato de revolta e libertade. Na sua ira discursiva, com verdades e delírio, o que surge é o ser humano entrevisto e retratado na alta literatura’

Estadão (Brazil)

 

 

‘Extraordinary, terrifying and hard to taste, hard to ignore. A piece so literally and metaphorically naked, raw and angry that you leave the theatre feeling as if you’ve had all your skin scraped off’

★★★★ The Guardian (UK)

 

 

‘Gallerano’s visceral performance will stay with you for years’

★★★★★ The Stage (UK)

 

 

‘Think Beckett on steroids. A furious stream-of-consciousness.’

The Georgia Straight (Canada)

 

 

‘Devastating stream of consciousness. One of the most wonderfully full–on performance ever seen’

★★★★ The Scotsman (UK)

 

 

‘È come entrare in un circo. La belva pronta, sul trampolo. Guarda, annuisce, ruggisce. Di fronte a lei, senza alcun riparo, tutti i domatori. La Merda, di Cristian Ceresoli, fra le decine e decine di premi, vinti in tutto il mondo, non è uno spettacolo. È un’esperienza. Assoluta. Quindici minuti di applausi finali. Imperdibile.’

La Repubblica (Italy)

 

 

‘Estamos falando da verdadeira revolução pretendida pelo cineasta Píer Paolo Pasolini’

★★★★ Folha de São Paulo (Brazil)

 

 

‘It is anti fascist as well as anti abuse; against people who play for power over others. Parts of this show are so politically incorrect that they come at you from unexpected angles. Certainly the whole piece is pushing boundaries of theatre in new ways.’

The Advertiser (Australia)

 

 

‘How a culture of celebrity feeds a returning tide of European neo-Nazism’

ABC (Australia)

 

 

‘Teater, der virkelig vil os noget’

★★★★★ Politiken (Denmark)

 

 

‘Brash, brutal, beastly, yet beautiful. Raw, touching, intelligent and mesmerising. Unforgettable.’

★★★★ The List (UK)

 

 

Utterly compelling verbal symphony. Somewhat perversely, the compelling honesty

of what follows is simply irresistible’

★★★★ The Herald (UK)

 

 

‘Il monologo rivoluzionario.’

Il Sole 24 Ore (Italy)

 

 

‘Una voce s’è desta. Un grido di dolore. Uno stimolo a liberare il nostro paese.’

L’Unità (Italy)

 

 

‘This is skin in the tradition of Artaud and it is powerful, political & poetic.’

★★★★★ Examiner (USA)

 

 

‘A manifest of anger and tenderness, a stand-up tragedija’

Ore (Lithuania)

 

 

‘Pragtfuld Silvia Gallerano sig i det mest forbløffende monolog-manuskript siden.’

★★★★★ GregersDH (Denmark)

 

 

***

 

 

International Press on Happy Hour

 

 

‘Desperate and chilling, a fierce commentary on a society spinning helplessly towards barbarism; it blazes with the kind of poetic and theatrical energy that leaves audiences not depressed, but exhilarated and empowered.’

★★★★ The Scotsman (UK)

 

 

‘A play that surprises like surrealism and sounds like a symphony,

angry, passionate and compelling.’

Total Theatre (UK)

 

 

’An incredibly acted, grotesquely comedic and brutal journey

through a fascist, totalitarian landscape.’

★★★★ The Wee Review (UK)

 

 

‘A larger than life performance’

The Independent (UK)

Seductive & innocent.

★★★★★ Gregers (Denmark)

 

 

Violent and scary.

★★★★★ Ungt Teaterblod (Denmark)

 

 

Inevitable.

★★★★ Sceneblog (Denmark)

 

 

Strong and rhythmic.

★★★★ Kulturtid (Denmark)

2022

7 APRIL 2022 – BERGAMO, ITALY / Teatro Sociale – HAPPY HOUR

6 MARCH 2022 – ROMA, ITALY /  Auditorium Parco della Musica – LA MERDA #10 YEARS

2 MARCH 2022 – BOLOGNA, ITALY / Teatro Duse –  LA MERDA #10 YEARS

24, 25 FEBRUARY 2022 – MILANO, ITALY / Teatro Leonardo – LA MERDA  #10 YEARS

2022 – TORINO, ITALY /  LA MERDA #10 YEARS

2022 – FIRENZE, ITALY /  LA MERDA #10 YEARS

 

2021

31 JULY 2021 – PIOMBINO, ITALY / Contamina Festival – HAPPY HOUR

12 >14 MAY 2021 – GENOVA, ITALY / Teatro Nazionale – HAPPY HOUR

 

 

2020

17 > 23 AUGUST 2020 – Zoo TV / Edinburgh Fringe Festival – LA MERDA STREAMING

14, 15 FEBRUARY 2020 – MILANO, ITALY / Teatro Leonardo – LA MERDA SOLD OUT

5 SEPTEMBER >  17 OCTOBER 2020 – STAVANGER, NORWAY / Rolagand Teater – HAPPY HOUR (NORWEGIAN)

ITALIAN BOOKING

Paola Farinetti
Phone  +39 335 8337365‬
email

 

 

INTERNATIONAL BOOKING

Richard Jordan Productions Ltd
Phone +44 7779 013148‬
email

2019

31 JULY > 26 AUGUST 2019 – EDINBURGH, UK / Edinburgh Fringe Festival – HAPPY HOUR IN ENGLISH WORLD PREMIERE

17 > 26 JULY 2019 – JERSEY ISLAND, UK / Jersey Arts Centre – HAPPY HOUR IN ENGLISH, REHEARSING + 2 PREVIEWS

23 JUNE 2019 – ASTI, ITALY / Festival Asti Teatro – HAPPY HOUR SOLD OUT

11 > 12 JUNE 2019 – OSLO, ITALY / Heddadagene Festival – DRITT (LA MERDA)

18 MAY 2019 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – ORGIA DELLE SCRITTURE × BACCHANALIA

14 > 18 MAY 2019 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – WRITING MASTERCLASS × BACCHANALIA

2 > 5 MAY 2019 – ROMA, ITALY – HAPPY HOUR IN ENGLISH, REHEARSING + 2 READINGS

30 MARCH 2019 – VITERBO, ITALY / Teatro Caffeina – LA MERDA

29 MARCH 2019 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – ORGIA DELLE SCRITTURE × BACCHANALIA

26 > 29 MARCH 2019 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – WRITING MASTERCLASS × BACCHANALIA

24 MARCH 2019 – SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC), ITALY / Cinema Teatro Moderno – HAPPY HOUR

23 MARCH 2019 – FABBRICO (RE), ITALY / Teatro Pedrazzoli – HAPPY HOUR

9 MARCH 2019 – PARMA, ITALY / Teatro del Cerchio – LA MERDA

7 MARCH 2019 – BOLOGNA, ITALY / Teatro Duse – LA MERDA

3 MARCH 2019 – MILANO, ITALY / Teatro Leonardo – HAPPY HOUR ANTEPRIMA MILANESE

28 FEBRUARY > 2 MARCH 2019 – MILANO, ITALY / Teatro Leonardo – LA MERDA

15 FEBRUARY 2019 – COPENHAGEN, DENMARK / Teater Grob – HAPPY HOUR IN ENGLISH, FIRST READING

24 JANUARY > 14 FEBRUARY 2019 – COPENHAGEN, DENMARK / Teater Grob – HAPPY HOUR (DANISH)

2018

26 NOVEMBER 2018 – BORGO VALSUGANA (TN), ITALY / Auditorium Borgo Valsugana – LA MERDA

8 > 11 NOVEMBER 2018 – ROMA, ITALY / Carrozzerie n.o.t – HAPPY HOUR ANTEPRIMA ROMANA SOLD OUT

6 NOVEMBER 2018 – SOLIERA (MO), ITALY / Arti Vive – HAPPY HOUR SOLD OUT

30 OCTOBER > 4 NOVEMBER 2018 – PRATO, ITALY / Teatro Metastasio – HAPPY HOUR ITALIAN PREMIERE SOLD OUT

4 OCTOBBER > 1 NOVENBER 2018 – STAVANGER, NORWAY / Rogaland Teater – DRITT (LA MERDA)

26 > 27 SEPTEMBER 2018 – FREDRIKSTAD, NORWAY – DRITT (LA MERDA)

25 SEPTEMBER 2018 – ASKIM, NORWAY – DRITT (LA MERDA)

21 SEPTEMBER 2018 – MOSS, NORWAY – DRITT (LA MERDA)

18 SEPTEMBER 2018 – SARPSBORG, NORWAY – DRITT (LA MERDA)

16 SEPTEMBER 2018 – MOSS, NORWAY / Moss NonStop International Theater Festival – DRITT (LA MERDA) NORWEGIAN PREMIERE

14 > 15 SEPTEMBER 2018 – MODUGNO (BA), ITALY / CAE Masseria Carrara – CRISTIAN CERESOLI’S WRITING MASTERCLASS

9 SEPTEMBER 2018 – ALBA (CN), ITALY / Attraverso Festival – SECONDO STUDIO HAPPY HOUR

9 > 20 JULY 2018 – PRATO, ITALY / Teatro Metastasio – HAPPY HOUR, REHEARSING

15 JULY 2018 – PERGINE (TN), ITALY / Pergine Festival – SECONDO STUDIO HAPPY HOUR

2 JUNE 2018 – COPENHAGEN, DENMARK / CPH Stage Festival – TALK WITH CRISTIAN CERESOLI & NASSIM SOLEIMANPOUR

22 > 24 MAY 2018 – OSLO, NORWAY – REHEARSING DRITT (LA MERDA), NORWEGIAN PRODUCTION

19 MAY 2018 – PALERMO, ITALY / TMO Teatro Mediterraneo Occupato – LA MERDA SOLD OUT

17 > 18 MAY 2018 – CATANIA, ITALY / Teatro Coppola, Teatro dei Cittadini – LA MERDA SOLD OUT

11 > 13 MAY 2018 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – LA MERDA SOLD OUT

7 > 8 MAY 2018 – SOMEWHERE SECRETELY, ITALY – HAPPY HOUR, DEVELOPING RESIDENCY

4 > 5 MAY 2018 – FIRENZE, ITALY / Teatro Rifredi – LA MERDA SOLD OUT

29 MARCH 2018 – PISTOIA, ITALY / Il Funaro – PRIMO STUDIO HAPPY HOUR SOLD OUT

24 > 30 MARCH 2018 – PISTOIA, ITALY / Il Funaro – HAPPY HOUR, DEVELOPING RESIDENCY

22 > 23 MARCH 2018 – ROMA, ITALY / Auditorium Parco della Musica – LA MERDA

13 MARCH 2018 – GORIZIA, ITALY / Teatro Verdi – LA MERDA

3 FEBRUARY 2018 – MILANO, ITALY / Teatro Leonardo – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

1 > 2 FEBRUARY 2018 – MILANO, ITALY / Teatro Leonardo – LA MERDA SOLD OUT

26 > 27 JANUARY 2018 – BRUXELLES, BELGIUM / KVS – LA MERDA (ENGLISH) SOLD OUT

2017

9 DECEMBER 2017 – CATANZARO, ITALY / Teatro Comunale – LA MERDA

2 DECEMBER 2017 – FERRAZZANO (CB), ITALY / Teatro del Loto – HAPPY HOUR, READING

27 > 30 NOVEMBER 2017 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – HAPPY HOUR, DEVELOPING RESIDENCY

25 > 27 OCTOBER 2017 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – LA DOLOROSA, DEVELOPING RESIDENCY

6 JULY 2017 – SOLIERA (MO), ITALY / Arti Vive Festival – HAPPY HOUR, READING

1-2 JULY 2017 – ROMA, ITALY / REDFest – ROCK ‘N’ ROLL SUICIDE, SILVIA GALLERANO E CRISTIAN CERESOLI’S WORKSHOP

14 JUNE 2017 – PRATO, ITALY / Festival Prato Estate – LA MERDA SOLD OUT

2 > 13 MAY 2017 – VANCOUVER, CANADA / The Cultch – LA MERDA IN ENGLISH

6 APRIL 2017 – BERGAMO, ITALY / Auditorium Piazza della Libertà – LA MERDA SOLD OUT

27 > 28 MARCH – CATANIA, ITALY / Teatro Coppola, Teatro dei Cittadini – LA MERDA SOLD OUT

26 MARCH 2017 – ENNA, ITALY / Teatro Garibaldi – LA MERDA

23 > 24 MARCH 2017 – ROMA, ITALY / Carrozzerie | n.o.t – FILMING LA MERDA / SPECIAL LIVE CINEMA EVENT SOLD OUT

19 MARCH 2017 – ROMA, ITALY / Festival Libri Come – LA MERDA, PRESENTAZIONE + READING LIBRO CD GALLUCCI EDITORE

18 MARCH 2017 – ROMA, ITALY / Teatro Due – LA MERDA, LA STORIA

10 > 12 MARCH 2017 – BOLOGNA, ITALY / Ert – Teatro delle Moline – XY, LA PRATICA DEL DOLORE

6, 13, 20 MARCH 2017 – ROMA, ITALY / Teatro Due – LA MERDA IN ENGLISH

1 > 20 MARCH 2017 – ROMA, ITALY / Teatro Due – LA MERDA SOLD OUT

27 FEBRUARY 2017 – RAI RADIO, ITALY / Il Teatro di Radio3 – LA MERDA + INTERVISTA A SILVIA GALLERANO E CRISTIAN CERESOLI

18 FEBRUARY 2017 – ABBADIA SAN SALVATORE (SI), ITALY / Cinema Teatro Amiata – LA MERDA SOLD OUT

2016

29 OCTOBER 2016 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – HAPPY HOUR, FIRST READING

24 > 30 OCTOBER 2016 – ROMA, ITALY / Spin Time Labs – #RABBIA13

21 AUGUST 2016 – SCANSANO (GR), ITALY / Teatro nel Bicchiere – LA MERDA

25 > 31 JULY 2016 – BATAVILLE, FRANCE / La Fabrique Autonome des Acteurs – LA MERDA, DEVELOPING RESIDENCY

4 > 9 JULY 2016 – ROMA, ITALY / Arci Malafronte – STUPORE + #RABBIA12

JUNE 2016 – LIVE TV, DENMARK / Dr TV – LORT (LA MERDA)

21 MAY 2016 – LISBON, PORTUGAL / Festival de Almada – LA MERDA SOLD OUT

30 APRIL > 19 JUNE 2016 – SÃO PAULO, BRASIL / Teatro Espaço Parlapatões – A MERDA (LA MERDA)

7 APRIL 2016 – ROMA, ITALY / Auditorium Parco della Musica – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

2 > 15 APRIL 2016 – COPENHAGEN, DENMARK / Husets Theater – LORT (LA MERDA)

1 > 3 APRIL 2016 – MILANO, ITALY / TeatRing – SILVIA GALLERANO ACTING WORKSHOP

14 > 18 MARCH 2016 – ROMA, ITALY / Centro Alta Formazione Teatro – STUPORE

11, 12, 13 MARCH 2016 – SOLIERA (MO), ITALY / Nuovo Cinema Teatro Italia – SILVIA GALLERANO ACTING WORKSHOP

10 MARCH 2016 – SOLIERA (MO), ITALY / Nuovo Cinema Teatro Italia – LA MERDA SOLD OUT

9 MARCH 2016 – CADELBOSCO (RE), ITALY / L’Altro Teatro – LA MERDA SOLD OUT

19 FEBRUARY 2016 – ROMA, ITALY / Auditorium Parco della Musica – LA MERDA  SOLD OUT

18 FEBRUARY 2016 – FIRENZE, ITALY / Teatro Puccini – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

17 FEBRUARY 2016 – BOLOGNA, ITALY / Teatro Duse – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

11 FEBRUARY 2016 – TORINO, ITALY / Teatro Colosseo – LA MERDA

6 FEBRUARY 2016 – BOLZANO, ITALY / Teatro Stabile di Bolzano – LA MERDA SOLD OUT

9 JANUARY 2016 – LECCE, ITALY / Cantieri Teatrali Koreja – LA MERDA SOLD OUT

2015

11 > 13 DECEMBER 2015 – BERGAMO, ITALY / Let’s Play – SILVIA GALLERANO LA MERDA’S WORKSHOP

2 DECEMBER 2015 – TORINO, ITALY / Circolo dei Lettori – BESTEMMIA. PASOLINI (READING)

26 > 28 NOVEMBER 2015 – MILANO, ITALY / TeatRing – SILVIA GALLERANO LA MERDA’S WORKSHOP

24 > 26 NOVEMBER 2015 – BELA VISTA (SÃU PAULO), BRAZIL / Teatro Sérgio Cardoso – A MERDA (LA MERDA)

22 NOVEMBER 2015 – ALBA, ITALY / Poetica – BESTEMMIA. PASOLINI (READING)

21 NOVEMBER 2015 – PRAGUE, CZECH REPUBLIC / The Dejvické Theatre – FERDINAND VANEK AWARD FOR LA PRATICA DEL DOLORE

17 > 19 NOVEMBER 2015 – BELA VISTA (SÃU PAULO), BRAZIL / Teatro Sérgio Cardoso – A MERDA (LA MERDA)

8 > 9 NOVEMBER 2015 – BIRMINGHAM, UK / mac – LA MERDA

5 > 6 NOVEMBER 2015 – MANCHESTER, UK / The Lowry – LA MERDA

12 OCTOBER 2015 – OURENSE, GALICIA (SPAIN) / Festival Internacional de Teatro de Ourense – LA MERDA

2 > 3 OCTOBER 2015 – URGNANO (BG), ITALY / Experimenta International Festival – LA MERDA SOLD OUT

27 SEPTEMBER 2015 – PARAGUACU PAULISTA, BRAZIL / Anfiteatro das Faculdades Gammon – A MERDA (LA MERDA)

26 SEPTEMBER 2015 – POMPÉIA, BRAZIL / Espaço Cultural Professora Carmen Célia Verri Maciel – A MERDA (LA MERDA)

20 SEPTEMBER 2015 – GUAÍRA, BRAZIL / Casa de Cultura Prof. João Augusto de Mello – A MERDA (LA MERDA)

19 SEPTEMBER 2015 – BARRETOS, BRAZIL / Teatro Cine Barretos – A MERDA (LA MERDA)

18 SEPTEMBER 2015 – MIGUELOPÓLIS, BRAZIL / Centro Cultural de Miguelópolis – A MERDA (LA MERDA)

13 SEPTEMBER 2015 – GUARIBA, BRAZIL / Sede Social do Guaribinha Clube – A MERDA (LA MERDA)

12 SEPTEMBER 2015 – MOCOCA, BRAZIL / Teatro Municipal Pedro Angelo Camim – A MERDA (LA MERDA)

5 > 6 SEPTEMBER 2015 – SAO JOSE DOS CAMPOS, BRAZIL / Sesc São José dos Campos A MERDA (LA MERDA)

1 SEPTEMBER 2015 – MOGI GUACU, BRAZIL / Teatro TUPEC – A MERDA (LA MERDA)

25 > 30 AUGUST 2015 – EDINBURGH, UK / Edinburgh Fringe Festival, Summerhall – LA MERDA

9 JULY > 16 AUGUST 2015 – SÃU PAULO, BRAZIL / Sesc Pinheiros – A MERDA (LA MERDA) SOLD OUT

1 AUGUST 2015 – GAVORRANO, ITALY – LA MERDA SOLD OUT

21 JULY 2015 – RIBADAVIA, GALICIA (SPAIN) / Mostra Internacional de Teatro de Ribadavia – LA MERDA SOLD OUT

12 JULY 2015 – TIVOLI, ITALY / Tivoli Chiama, Festival delle Arti – LA MERDA

26 > 27 JUNE 2015 – BERLIN, GERMANY / Maxim Gorki Theater – LA MERDA SOLD OUT

10, 12, 13, 14 JUNE 2015 – COPENHAGEN, DENMARK / CPH Stage, Husets Theater – LORT (LA MERDA) SOLD OUT

7 JUNE 2015 – MASSA, ITALY / Memofest – LA MERDA SOLD OUT

15 > 17 MAY 2015 – MILANO, ITALY / TeatRing – SILVIA GALLERANO ACTING WORKSHOP

12 MAY 2015 – VILNIUS, LITHUANIA / The Small State Theater – LA MERDA SOLD OUT

22 APRIL 2015 – PRATO, ITALY / World Book Day – TALK WITH CRISTIAN CERESOLI

18 APRIL 2015 – BELLUNO, ITALY / Teatro Comunale – LA MERDA

16 APRIL 2015 – BOLOGNA, ITALY / Teatro Duse – LA MERDA SOLD OUT

15 APRIL 2015 – LUMEZZANE (BS), ITALY / Teatro Odeon – LA MERDA

12 APRIL 2015 – ALBA, ITALY / Teatro Sociale – LA MERDA SOLD OUT

11 APRIL 2015 – GENOVA, ITALY / Teatro Archivolto – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

10 APRIL 2015 – GENOVA, ITALY / Teatro Archivolto – LA MERDA SOLD OUT

9 APRIL 2015 – FIRENZE, ITALY / Teatro Puccini – LA MERDA SOLD OUT

19 > 21 MARCH 2015 – MADRID, SPAIN / Festival de Otoño a Primavera – LA MERDA SOLD OUT

5 > 8 MARCH 2015 – ADELAIDE, AUSTRALIA / Adelaide Festival of Arts – LA MERDA

11 > 28 MARCH 2015 – AALBORG, DENMARK / Teater Nordkraft – LORT (LA MERDA)

20 FEBRUARY 2015 – PALERMO, ITALY / Teatro Garibaldi – LA MERDA SOLD OUT

24 > 25 JANUARY 2015 – COSENZA, ITALY / Teatro dell’ Acquario – LA MERDA SOLD OUT

17 JANUARY > 8 FEBRUARY 2015 – COPENHAGEN, DENMARK / Husets Theater – LORT (LA MERDA) SOLD OUT

31 JANUARY 2015 – VASTO (CH), ITALY / Teatro Rossetti – LA MERDA SOLD OUT

24 > 25 JANUARY 2015 – COSENZA, ITALY / Teatro dell’Acquario – LA MERDA SOLD OUT

5 JANUARY 2015 – CAGLIARI, ITALY / Teatro Massimo, Teatro Stabile della Sardegna – LA MERDA SOLD OUT

2014

29 NOVEMBER 2014 – RIMINI, ITALY / Teatro degli Atti – LA MERDA SOLD OUT

17 OCTOBER 2014 – SALERNO, ITALY / Centro Sociale Auditorium – LA MERDA SOLD OUT

16 OCTOBER 2014 – ROMA, ITALY / Via del Mandrione, 105 – LA MERDA SPECIAL EVENT SOLD OUT

10 > 12 OCTOBER 2014 – NAPOLI, ITALY / Galleria Toledo – LA MERDA

8 > 9 OCTOBER 2014 – CAMPOBASSO, ITALY / Teatro del Loto – LA MERDA SOLD OUT

5 JULY 2014 – PERGINE (TN), ITALY / Pergine Festival – LA MERDA

4 JULY 2014 – ASTI (TO), ITALY / Asti Teatro – LA MERDA SOLD OUT

3 JULY 2014 – TORINO, ITALY / Scuola Holden – LA MERDA SOLD OUT

13 > 15 JUNE 2014 – COPENHAGEN, DENMARK / CPH Stage – LA MERDA SOLD OUT

22 > 23 MAY 2014 – BRISTOL, UK / Mayfest
 – LA MERDA

15 > 17 MAY 2014 – BERLIN, GERMANY / Studio Я, Maxim Gorki Theater – LA MERDA SOLD OUT

15 APRIL > 4 MAY 2014 – LONDON, UK / Soho Theatre 
– LA MERDA

10 > 11 APRIL 2014 – GLASGOW, SCOTLAND / The Arches
 – LA MERDA

31 MARCH 2014 – LUGANO, SWITZERLAND / Teatro Foce – LA MERDA SOLD OUT

30 MARCH 2014 – COLLEGNO (TO), ITALY / Villa 5 – LA MERDA SOLD OUT

15 MARCH 2014 – MONTESCUDO (RN), ITALY / Teatro Rasaspina – LA MERDA SOLD OUT

14 MARCH 2014 MONTEMARCIANO (AN), ITALY / Teatro Alfieri – LA MERDA SOLD OUT

9 MARCH 2014 – MILANO, ITALY / Macao – LA MERDA SOLD OUT

9 FEBRUARY 2014 – ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

7 > 8 FEBRUARY 2014 – ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato – LA MERDA SOLD OUT

2013

7 DECEMBER 2013 BARI, ITALY / Teatro Kismet – LA MERDA SOLD OUT

6 DECEMBER 2013 – BARI, ITALY / Officina degli Esordi 
– CRISTIAN CERESOLI’S LECTURE ON LA MERDA

29 NOVEMBER 2013 – CREMA (CR), ITALY / Teatro San Domenico – LA MERDA

28 NOVEMBER 2013 – CANTÙ (CO), ITALY / Teatro San Teodoro – LA MERDA SOLD OUT

26 NOVEMBER 2013 PESCARA, ITALY / Cine Teatro Massimo
 – LA MERDA

23 NOVEMBER 2013 – SAN LAZZARO (BO), ITALY / ITC Teatro – LA MERDA SOLD OUT

17 NOVEMBER 2013 – MILANO, ITALY / Teatro Elfo Puccini – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

12 > 17 NOVEMBER 2013 MILANO, ITALY / Teatro Elfo Puccini – LA MERDA SOLD OUT

11 NOVEMBER 2013 – MILANO, ITALY / Università Cattolica – CRISTIAN CERESOLI AND SILVIA GALLERANO’S LECTURE ON LA MERDA

27 SEPTEMBER 2013 SASSARI, ITALY / Teatro Civico – LA MERDA SOLD OUT

14 > 25 AUGUST 2013 EDINBURGH, UK / Summerhall, Edinburgh Fringe Festival – LA MERDA SOLD OUT

15 JUNE 2013 – COPENHAGEN, DENMARK / Festival European Contemporary Playwritings 2013 – LORT (LA MERDA) READING SOLD OUT

***LA MERDA TOUR SUSPENDED APRIL > JULY 2013***

09 > 10 MARCH 2013 – SESTO FIORENTINO (FI), ITALY / Teatro della Limonaia – LA MERDA SOLD OUT

03 MARCH 2013 – MACERATA, ITALY – No Man’s Island
 – NOTES FOR A SOLO, LA MERDA

02 MARCH 2013 CASCINA (PI), Italy / La Città del Teatro di Cascina – LA MERDA SOLD OUT

06 FEBRUARY 2013 – JERSEY ISLAND, UK / Jersy Arts Centre – LA MERDA

23 > 27 JANUARY 2013 ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato – LA MERDA SOLD OUT

16 > 21 JANUARY 2013 MILANO, ITALY / Teatro i – LA MERDA SOLD OUT

12 JANUARY 2013 – PONTERANICA (BG), ITALY / Erbamil – LA MERDA SOLD OUT

2012

28 > 29 NOVEMBER 2012 BRIGHTON, UK / The Basement – LA MERDA SOLD OUT

9 NOVEMBER 2012 – ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato, Commons Cafe
 – LA MERDA (THE SHIT) / PRESENTING THE BOOK PUBLISHED BY OBERON BOOKS (LONDON, UK)

11 NOVEMBER 2012 – ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

07 > 11 NOVEMBER 2012 ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato – LA MERDA SOLD OUT

04 NOVEMBER 2012LIVE RADIO3 / Zazà
 – LA MERDA

03 NOVEMBER 2012 – CASTROVILLARI (CS), ITALY / Primavera dei Teatri Festival – LA MERDA SOLD OUT

28 OCTOBER 2012 TORINO, ITALY / Lavanderie Ramone – LA MERDA SOLD OUT

20 OCTOBER 2012 – VENEZIA, ITALY / Teatro Goldoni, Teatro Stabile del Veneto – LA MERDA SOLD OUT

30 SEPTEMBER 2012 – TORTOLÌ (OG), ITALY / Teatro San Francesco, Sguardi sul Presente
 – LA MERDA SOLD OUT

04 > 26 AUGUST 2012 EDINBURGH, UK / Summerhall, Edinburgh Fringe Festival – LA MERDA WORLD PREMIERE SOLD OUT

28 > 30 JULY 2012 – BRIGHTON, UK / The Basement
 – LA MERDA, DEVELOPING RESIDENCY #2

18 > 22 JUNE 2012 BRIGHTON, UK / The Basement
 – LA MERDA, DEVELOPING RESIDENCY #1

01 JUNE 2012 – ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato, Sostanze Volatili
 – LA MERDA

25 MAY 2012 ROMA, ITALY / Teatro Palladium, Teatri di Vetro – LA MERDA SOLD OUT

31 MARCH 2012 – MILANO, ITALY / Teatro i – LA MERDA EXTRA DATE SOLD OUT

29 > 31 MARCH 2012 MILANO, ITALY / Teatro i – LA MERDA ITALIAN PREMIERE SOLD OUT

24 MARCH 2012 – LIVE RADIO / Radio3 – 
LA MERDA, EXCERPTS

22 > 24 MARCH 2012 – AZZANO (BG), ITALY / La Mànsiòn 
– LA MERDA, DEVELOPING RESIDENCY

13 MARCH 2012 LIVE RADIO / Radio Onda Rossa – LA MERDA

05 > 07 MARCH 2012 – GUBBIO, ITALY / Laboratorio 365
 – LA MERDA, DEVELOPING RESIDENCY

30 JANUARY 2012 – BRESCIA, ITALY / Amicicompliciamanti
 – LA MERDA, SECONDO STUDIO

2011

02, 03 NOVEMBER 2011 – BOLOGNA, ITALY / Gender Bender International Festival – LA MERDA, SECONDO STUDIO SOLD OUT

25 > 27 OCTOBER 2011 – NAPOLI, ITALY / Galleria Toledo – 
LA MERDA, SECONDO STUDIO

04 OCTOBER 2011 – MILANO, ITALY / MilanOltre, Vetrina Italia – LA MERDA, SECONDO STUDIO

27 NOVEMBER 2011 ROMA, ITALY / Teatro Valle
 Occupato – LA MERDA, EXCERPT

23 JUNE 2011 – ROMA, ITALY / Teatro Valle Occupato – LA MERDA, EXCERPT

16 JUNE 2011 – SOLIERA (MO), ITALY / Arti Vive Festival 2011
 – LA MERDA, PRIMO STUDIO

11 JUNE 2011 – URGNANO (BG), ITALY / Festival Internazionale Experimenta 
– LA MERDA, PRIMO STUDIO

09 JUNE 2011 AZZANO (BG), ITALY / La Mansiòn
– LA MERDA, DEVELOPING RESIDENCY

31 MAY 2011 – ROMA, ITALY / Alphesus – Marte Live 2011
– LA MERDA, EXCERPT

18 MARCH 2011 – TORINO, ITALY / Ex Cimitero S.Pietro in Vincoli – LA MERDA, FIRST READING SOLD OUT

ITALIAN BOOKING

Paola Farinetti
Phone  +39 0173 366549
email

 

 

INTERNATIONAL BOOKING

Richard Jordan Productions Ltd
Phone +44 (0) 207 243 9001
email

altrevelocita.it / Il Teatro, La Merda e il Corpo Come un Assoluto

Il teatro, la merda e il corpo come un assoluto 

di Francesco Brusa, Altrevelocità.it 18 Marzo 2020

Distorto, amplificato, elettrico: in Star Spangled Banner, forse per la prima volta, il suono ripercorre l’immaterialità del simbolo. Con la sua performance a Woodstock nel 1969, Jimi Hendrix – rockstar emblema delle rockstar, sciamano e alchimista – andava a parodiare l’inno americano, o meglio a dissezionarlo, dilaniarlo fino alla trasfigurazione grottesca. Le note sembrano gridi acuti, le modulazioni un lungo, disperato, gesto di rabbia e ribellione, mentre l’estate dell’amore – anche attraverso questo momento – arriva a coincidere con il suo contenuto più direttamente politico: la contestazione della guerra del Vietnam, il rifiuto del militarismo, la critica al concetto di “patria” e ai sacrifici compiuti in suo nome (le distorsioni della chitarra di Hendrix sono state subito lette come un richiamo al suono degli aerei da guerra e delle bombe sganciate). Più di quarant’anni dopo, nella provincia del sogno americano, alla fine dello spettacolo scritto da Cristian Ceresoli e interpretato da Silvia Gallerano La merdaassistiamo a qualcosa di simile. L’attrice, in piedi e avvolta nel tricolore dopo che per tutta la durata della performance ci ha posto di fronte alla sua nudità integrale, intona con fare al limite fra il remissivo e il denigratorio: «Fra-tee-lli d’I-taa-lia»… due medesimi impeti di denuncia contro lo Stato e la società, sebbene raggiunti per vie opposte. Eppure, se nel caso di Jimi Hendrix con Star Spangled Banner, grazie anche al portato – per così dire – “superomistico” insito nell’attitudine rock, ci trovavamo davanti a un individuo (e, attraverso di lui, alla voce di un’intera generazione) che ridicolizzava la nazione, con La merda osserviamo invece il logorante lavorio del potere che schiaccia, mastica, digerisce e poi risputa l’individuo ormai ridotto a brandelli, ombra di se stesso.

 

Pluripremiato, acclamato all’estero e da oltre otto anni sui palchi italiani, il lavoro di Cristian Ceresoli affonda la propria ispirazione in un periodo molto specifico della nostra storia, mai dichiarato esplicitamente ma a cui si allude in continuazione durante lo spettacolo: il cosiddetto “ventennio berlusconiano”, ovvero il trionfo del format televisivo come forma mentis, l’inseguimento del successo e della celebrità come uniche (e massime) possibilità di convivenza. Il testo (che nella sua pubblicazione con la casa editrice Gallucci viene definito, non a torto, “partitura”) è infatti il torrenziale e tormentato flusso di coscienza di una ragazza (Silvia Gallerano, sola in scena) che vuole a tutti i costi fare carriera per il piccolo schermo. E se, in qualche modo, la protagonista riesce ad avere ragione del suo sogno, la strada che la porta all’autorealizzazione possiede i tratti dell’incubo allucinato, di una sofferta discesa verso ciò che vi è di più urticante e innominabile. Tre “tempi”, come tre nette scansioni dell’andamento dello spettacolo, dividono questa sottile e moderna catabasi: “Le cosce”, in cui l’ossessione per il proprio corpo e per quelli che vengono considerati (dai più?) difetti fisici assume i contorni di un sentimento totale e totalizzante; “Il cazzo”, dove si racconta – con scene anche di una certa ambigua morbosità – del sesso come coercizione e “addestramento” alla sottomissione (femminile); infine “La fama”, che è però ormai una condizione triste e annichilente, consolatoria al limite del risentimento.

È interessante notare quanto, soprattutto all’estero, La merda sia stato visto come un’invettiva dal forte carattere civile, un invito quasi alla resistenza morale contro l’abbruttimento delle relazioni («uno stimolo a liberare il nostro paese», L’Unità; «…il coraggio cercato nel pubblico è quello di opporsi alla corruzione del sistema politico italiano», The Stage; «…l’attuale condizione delle giovani donne, in Italia e in tutto l’Occidente», The Scotsman). Niente di più azzeccato: lo spettacolo è costruito come una vera e propria satira dei costumi dove, attraverso gli iperbolici registri del grottesco, l’intento è appunto rilevare vizi e bassezze di un’intera società. Il flusso di coscienza è, innanzitutto, flusso della falsa coscienza: è come se la protagonista – che assurge a paradigma di tutta la popolazione – sentisse perfettamente il degrado civico, morale, relazione di cui è partecipe ma non facesse altro che negarlo a se stessa. Di più, quasi che la profondità di una tale rimozione fosse infine l’unico e il più alto marchio del successo (che, sembra dirci il testo, consiste dunque nell’abituarsi a soprusi e prevaricazioni di varia natura: «…si può dire che è lì che ho imparato a fare quello che serve in certe occasioni, che se una cosa ti fa schifo, tu, ti puoi abituare»). Produci (disponibilità totale), Consuma (falsi immaginari), Crepa (a livello di amor proprio)…

Il personaggio di Silvia Gallerano pare davvero ingannarsi su tutto: dalla relazione con il padre, di cui all’inizio dello spettacolo viene in qualche modo decantato il coraggio per essersi spinto al suicidio ma la cui assenza certo costituisce un vuoto incolmabile, al rapporto con il fidanzato, che per «volerle bene, le vuole bene» ma poi la costringe spesso ad agire contro la sua volontà, fino ovviamente alla fiducia nella carriera televisiva la quale, invece di condurla a una piena autorealizzazione, sembra più amplificare il carattere ossessivo e distruttivo dei suoi comportamenti. Esagerato senza risultare inverosimile, destrutturato nella forma eppure con una coerenza di senso inespugnabile, il monologo di Ceresoli vuole essere – in tutto e per tutto – una contro-biografia di una nazione: sia quella cinica e amorale che ha ceduto alle lusinghe berlusconiane, ma anche quella dei “buoni” che di lì a poco avrebbe preteso di “liberarci” con un progetto che tanto aveva di civico e giustizialista ma quasi nulla di politico in senso proprio (si allude qui al grillismo, ed è lo stesso autore dello spettacolo a suggerire in un’intervista un filo diretto fra la protagonista e la figura del comico-leader genovese).

 

Rivedendo La merda oggi, quando queste due tensioni in seno alla nostra società sembrano o definitivamente tramontate o comunque cambiate di segno, si sarebbe tentati di metterne in luce le capacità premonitrici, di cercare corrispondenze con altre e successive dinamiche. A partire proprio dal tricolore finale: chi l’avrebbe detto che ci saremmo ritrovati oggi a parlare di “sovranismo” o a fare nuovamente i conti, nel dibattito pubblico, col richiamo alla patria nella sua supposta purezza etnica, religiosa? In questo senso, la chiusura dello spettacolo rappresenta sì un atto di accusa verso la corruzione politica e morale ma anche un monito nei confronti della faciloneria girotondina e “pseudo-garibaldina” con cui a volte si è cercato un riscatto attraverso simboli inclusivi ma ambigui (la Costituzione, i “cittadini”, i libri come sinonimo generico di una altrettanto generica Cultura…). Siamo bene lontani dalle suggestioni del Dario Fo di Morte accidentale di un anarchico (che pure risuona come influenza nella performance), per cui «è solo quando saremo nella merda fino al collo che potremo girare a testa alta». La fierezza abbozzata da Silvia Gallerano è già grottesca, il tricolore è metaforicamente imbevuto di escrementi e avvolgervici dentro ha il solo effetto di sporcarsi ancora di più.

Ma c’è anche tutta una serie di questioni più specifiche, la cui centralità è espressa come “in potenza” nello spettacolo e che oggi non possiamo forse fare a meno di osservare sotto una diversa luce. È difficile infatti non mettere i relazione i soprusi, le micro-aggressioni quando non proprio i ricatti a sfondo sessuale evocati dal monologo con la recente ondata di denunce del movimento statunitense (e in piccola parte italiano) del #MeToo, tanto più che si tratta di denunce relative al contesto dello showbiz. Inoltre, il problema del potere maschile – o meglio della mascolinità del potere – è esplicitamente chiamato in causa dal testo: oltre al fatto che il secondo tempo della narrazione si intitola “Il cazzo” (nel tentativo di calare la pervasività simbolica del Fallo dentro una concretezza episodico-biografica), nel suo delirio al tempo stesso autocommiserativo e megalomane la protagonista si dice pronta a fare del «sesso maschile la nostra bandiera». Impossibile non scorgere richiami con la messa in discussione del patriarcato avvenuta in vari contesti negli ultimi anni e, specificamente in Italia, con la nascita di Non Una di Meno che rappresenta probabilmente il movimento politico dal basso più significativo dell’ultimo decennio. Ricordiamo la cronologia: l’ultimo governo Berlusconi viene sostituito dal governo tecnico di Monti nel 2011, mentre l’anno successivo lo spettacolo La merda viene messo in scena per la prima volta; nel 2013 il Movimento 5 Stelle di Grillo ha un inatteso exploit alle elezioni diventando quasi il maggiore partito italiano, in una fase storica in cui si inizia sempre più insistentemente a parlare di “populismo” e “post-verità”, fenomeni la cui massima espressione per molti avrà luogo con l’ascesa di Donald Trump al ruolo di presidente degli Stati Uniti nel 2016; l’anno seguente, proprio in contesto statunitense, inizia ad avere una grande diffusione l’hashtag #MeToo mentre a marzo viene indetto il primo “Sciopero mondiale delle donne” che segna, appunto, l’affermarsi anche nel nostro paese del movimento femminista Non Una di Meno. Si ha come l’impressione che la performance di Ceresoli e Gallerano unisca in un unico, tagliente, “grumo di percezioni” tutti questi puntini, andando ad anticipare alcune tematiche e tendenze mentre procedeva a cicatrizzarne altre.

 

Tuttavia, La merda non presenta riferimenti politici diretti. Si muove completamente dentro lo “spazio di coscienza” della protagonista alludendo però al contesto di un’eterna periferia che eternamente guarda a un centro sempre più invisibile ed etereo, fra il catodico e il virtuale, come unica forma di riscatto. Qualcosa di impersonale, rarefatto e vagamente allucinato che ricorda le atmosfere di disgregazione geografico-sensoriale dei primi capitoli di Assalto a un tempo devastato e vile di Giuseppe Genna. Uno degli elementi più direttamente politici della performance sta appunto in questa sospensione spazio-percettiva, che – attraverso la sua asfittica astrattezza – diventa già segno di una condanna, dell’impossibilità di vivere il presente perché uno dei principali effetti della (ideologia della) televisione è proprio quello di relegare il (o l’idea del) futuro nella simultaneità: «Del nostro tempo rubato», cantava qualcuno all’incirca negli stessi anni… Ma, a tal proposito, è come se non avessimo mai davvero accesso alle profondità del personaggio interpretato da Silvia Gallerano. Non c’è cioè, e sebbene la realtà biografico-esistenziale della protagonista ci venga raccontata con dovizia e concretezza di particolari, alcuno scavo psicologico né alcuno svelamento dell’inconscio. Le vicende, anche quelle maggiormente perturbanti e problematiche, procedono senza mostrare in fondo i suoi desideri più intimi, le aspirazioni più genuine, senza dare contezza del suo “posizionamento morale” rispetto agli eventi. Certo, la protagonista sembra avere come unico orizzonte il “successo” (televisivo). Ma tutti i fatti e tutti i suoi sforzi sono filtrati da un’etica postmoderna del sacrificio («È proprio vero che ci vuol del coraggio. E della gran misericordia. Bisogna dare tutta se stessa per farcela. Sempre») che non consente rielaborazione possibile se non sotto il segno della nevrosi, di una bulimia isterica e implacabile. I tratti del personaggio che Silvia Gallerano lascia trasparire non rimandano in alcun modo all’arrivismo o a una qualche ansia di riscatto sociale. Al contrario, è più come se la voglia di apparire, di “farsi da sola”, fosse semplicemente il solo metro esistenziale a sua disposizione. Un assunto, una sorta di dato di fatto, che anche noi spettatori siamo chiamati a registrare senza porci ulteriori domande.

 

Similmente, come si trattasse di un’auto-evidenza drammaturgica, siamo posti sin dal primo momento dello spettacolo di fronte alla nudità integrale dell’attrice. Seduta su un alto sgabello e illuminata prepotentemente, senza alcun vestito addosso, così rimarrà per tutto lo svolgimento del monologo sino alla scena finale. L’evidenza del corpo (e della sua postura, a gambe accavallate e contrita in un misto di timidezza e istinto di auto-protezione) in quanto certificazione del testo: il personaggio in scena si trova un passo al di qua della sua più completa personificazione (ovvero della sua trasfigurazione finzionale), preso a metà strada fra una parola che ne invera la biografia e una rappresentazione fisica che, se da una parte combacia con l’andamento della storia, dall’altra reclama la sua appartenenza all’identità attoriale di cui è espressione, quella di Silvia Gallerano. Un corpo sdoppiato, fra finzione e concrezione, epperò senza alcun dubbio al centro della scena e dei discorsi. Si tratta davvero di una scelta che ha qualcosa di perentorio: prendere o lasciare, sembra dirci l’impatto con il nudo.

Ma, allo stesso tempo, è anche una scelta che lascia ampi margini di ambiguità. La luce potente e diretta, la vertigine data dall’altezza dello sgabello sono sia un modo per sottolineare quanto la protagonista si trovi indifesa e in uno stato di debolezza, sia degli elementi che a volte suggeriscono invece una certa autorità e determinazione: Silvia Gallerano “da lassù” anche ci scruta, incute timore e, nei momenti in cui il registro dello spettacolo si eleva assumendo la forma di un’invettiva («… questa plebaglia di codardi e prostituti e prezzolati», «…l’uomo libero deve guardare al cielo»), pare puntare il dito non già alle sue debolezze ma alle nostre. Pure la nudità, dunque, se di primo acchito ci restituisce l’immagine di un corpo esposto alle forze esterne, privo di una reale volontà, piano piano che la narrazione si dipana sembra al contrario prorompere come un gesto di rabbia e di scandalo, come la conseguenza di un reale coraggio, di un desiderio debordante e in qualche modo incontenibile. D’altronde, proprio questa è l’ambiguità di fondo de La merda: uno spettacolo che “sputa in faccia” allo spettatore, lo aggredisce con un linguaggio crudo e provocatorio, ma che in fin dei conti non fa che parlare di un’impotenza generalizzata, senza possibilità di riscatto o redenzione. Un urlo smorzato, fra il disincanto e la disperazione.

Si tratta di una caratteristica che potrebbe ascriverlo al filone dell’in-yer-face theater e in tal senso è stato infatti recepito da molta critica inglese. Tuttavia, siamo ben lontani dalle atmosfere evocate dai testi di Sarah Kane, per menzionare uno dei nomi più significativi, oppure dai ritratti caustici apprezzati recentemente nella nostra scena in Wasted di Kate Tempest e riadattato da Giorgina Pi/Bluemotion. Oltre che per tutta una serie di motivi di differenze culturali e generazionali, anche per un diverso procedimento “teatral-percettivo”. Se, per quanto riguarda il contesto anglosassone, la dimensione provocatoria, iperrealistica e contro-spettacolare è innanzitutto un modo di inghiottire il pubblico dentro un vortice drammaturgico, di trasportarlo cioè al fondo dell’abisso della coscienza dell’autore o dei personaggi, la lingua adoperata da Ceresoli sembra più procedere su di una direttrice opposta, che dall’interno va verso la superficie. Utilizzando la stessa metafora dello spettacolo, è proprio come se detriti, scarti, escrementi emergessero a poco a poco attraverso l’avvicendarsi di parole e aneddoti, sino a invadere la scena e infine a illuminare retrospettivamente tutta la narrazione di una luce sinistra, dissacrante e angosciata.

 

In questo senso, la vocalità di Silvia Gallerano – che in tutto e per tutto arriva a fondersi con la sua corporeità – assume un ruolo centrale. Il testo viene definito dallo stesso autore come una “partitura in tre atti” proprio perché suoni e inflessioni diventano “veicoli significanti” di primo piano nell’orientare l’interpretazione, nel definire quasi l’intera struttura e le diverse stratificazioni del discorso. A volte, il modo di rivolgersi al pubblico e di articolare le frasi è dimesso, reticente come a esprimere la violazione di un sentimento di intimità. Altre, improvvisamente, il tono della voce verticalizza le parole, astraendole dai loro riferimenti concreti per elevarle verso i territori della sentenza, dell’inferire secco e quasi profetico. Quella di Silvia Gallerano più che una recitazione è un vero e proprio recitato nell’accezione del termine riferita alla musica lirica. E, per continuare il paragone, l’elemento interessante è dato dal fatto che i cambi di tono, registro, di attitudine vocale dell’attrice insomma, non avvengono in una maniera armonica e strettamente coerente con lo sviluppo del discorso, attraverso magari dei crescendo della narrazione o delle sospensioni dell’intreccio, bensì come fossero degli obbligati in senso musicale, dei passaggi cioè preimpostati per una mutazione dei ritmo e delle sonorità. Così appunto si va dallo sforzato o fortissimo di alcuni momenti a sussurri, da piattezze monocromatiche a enfasi quasi artificiose, senza una vera e propria soluzione di continuità. Un procedere altamente autoriale, sebbene sorretto in maniera affatto non secondaria dalla specifica presenza di Silvia Gallerano, che conferisce alla protagonista della performance una sottile multi-dimensionalità: ora incarna in tutto e per tutto il personaggio e le sue vicende, ora si lascia andare a invettive di carattere più generale quasi da narratore onnisciente, ora figura astratta e universale che chiama in causa direttamente la coscienza dei singoli spettatori… In tutto ciò, ovvero nell’alveo di questa sottile multi-dimensionalità, si produce poi un ulteriore movimento ambiguo, cui accennavamo sopra. L’attrice, appunto, nella sua interpretazione sembra arrestarsi sulla soglia di personificazione della protagonista. Non c’è, cioè, una reale dialettica interno/esterno, per cui Silvia Gallerano a volte si immergerebbe nel personaggio per poi magari uscirne in altre occasioni con minore o maggiore misura. Piuttosto, è proprio come se ci si attestasse su una particolare “frequenza”, uno stadio che impercettibilmente precede la rappresentazione piena: della protagonista de La merda, d’altronde, arriviamo nel corso della narrazione a incontrare numerose connotazioni (le cosce “grosse”, il rapporto con il padre e con la madre, la bulimia, il suo spirito di sacrificio, etc.) senza però che il personaggio arrivi mai a costituirsi come soggetto teatrale, vale a dire come individuo teatralmente unico e indivisibile.

 

Ora, l’idea è che un tale principio de-soggettivante o pre-soggettivante sia in qualche modo già connaturato a quello che è uno dei temi portanti dello spettacolo: il sesso, o la sessualità. Dice la filosofa e psicanalista slovena Alenka Zupancic nel suo recente libro Che cosa è il sesso:

«[…] l’imbarazzo che abbiamo nei confronti del sesso, il bisogno di nasconderlo, ma anche di controllarlo e di regolarlo, non può certo essere spiegato soltanto con la “tradizionale” proibizione della sessualità. Semmai è la proibizione che deve essere spiegata a partire da uno sbandamento ontologico del sessuale in quanto tale. […] La tradizionale divisione fra mondo maschile e mondo femminile (come domini e sfere separate, ad esempio pubblico e privato) in realtà non vede la differenza sessuale come una differenza, ma come un problema di appartenenza a due mondi separati, che sono “diversi” secondo la descrizione di un punto di vista oggettivo e neutrale, ma che altrimenti possono coesistere come parti integranti nella gerarchia di un ordine cosmico e superiore, la cui unità e interezza non è in alcun modo minacciata da questa “differenza”. Sono parti che “sanno dove stare”. E il femminismo, come movimento politico, mette in discussione e rompe proprio questa unità del mondo, basata su un’enorme repressione, subordinazione ed esclusione. Ancora una volta: non si tratta di un’esclusione dell’identità femminile, al contrario il mito dell’identità femminile è proprio quello che ha reso possibile quest’esclusione e l’ha sostenuta. Il tema della “identità femminile” sostiene la differenza e l’esclusione a livello prepolitico, al livello dell’appartenenza a due mondi diversi. In questo senso, una politica emancipatoria inizia con una “perdita d’identità” e non c’è niente di male in questa perdita».

Alenka Zupancic, Che cosa è il sesso (Ponte alle Grazie 2018)

 

La merda è un testo che gronda di elementi relativi al sesso o alle relazioni “sessualmente intese”. A partire dalla nudità dell’attrice che, seppur in minima parte, chiama in causa lo “sguardo desiderante” degli altri personaggi evocati dalla narrazione e di noi stessi spettatori, per poi approfondire la natura dei rapporti della protagonista con “maschi”, intrattenuti (dal fidanzato, agli approcci di un compagno di classe disabile o di uno sconosciuto in metro, con sempre qualcosa di “tossico”, non pienamente consensuale o comunque insoddisfacente) oppure immaginati (nel segno del sesso come moneta di scambio per raggiungere o mantenere il successo, per cui «quelle che fanno i programmi e che ce la fanno […] chissà cosa devono aver fatto con […] quei maschi che decidono e dispongono e che fanno le convention»), infine prefigurando una “soluzione finale” per ogni problematica legata alle disparità di potere fra generi che consiste in una sorta di auto-annullamento della propria identità per fagocitazione simbolica totale del mondo maschile: «la soluzione […] è quella di mangiarmeli questi cazzi, andare di là e sbranarglieli a morsi, questi loro cazzi, di questi due e di quelli che comandano la televisione, il paese, la famiglia, la patria, sì, perché è solo così, mangiandomeli e sbranandoglieli a morsi, togliendoli da loro per sempre, cacandoli fuori dal culo una volta mangiati, questi loro cazzi, mi lasceranno libera, libera di essere una donna nuova e di fare veramente la vita che voglio e di essere considerata anch’io come una donna con le palle».

In altre parole, si è tentati di leggere questa bulimia metaforica come appunto il bisogno, disperato e ambiguamente inteso dalla protagonista, di rompere l’ordine simbolico della differenziazione sessuale. O comunque, a un livello forse precedente, come segno del fatto che il “sessuale” sia precisamente la dimensione dove si produce qualsiasi soggettivazione, tanto a teatro quanto nella vita reale (sempre che una tale distinzione sia possibile). Ancora Zupancic: «Ciò che Freud chiama sessuale non è quindi ciò che ci rende umani, qualsiasi cosa questo voglia dire, ma ciò che ci rende soggetti, o forse più precisamente è coestensivo all’emergere del soggetto». Perciò, dunque, come dicevamo sopra non c’è “posizionamento morale” da parte della protagonista che in effetti sembra avere un atteggiamento ambivalente rispetto a ciò che subisce e di cui però è in qualche modo partecipe. Non si tratta di trovarsi a metà strada fra l’essere vittima e complice, ma innanzitutto in una condizione di “incertezza soggettuale”. Perciò, dunque, La merda può giustamente essere visto come una sorta di pamphlet, di invettiva, ma non utilizza mai i linguaggi della denuncia o del racconto indignato. Non intende tanto svelare o mostrare gli effetti di certe storture sociali, quanto (sebbene possa suonare altisonante) indagare le condizioni ontologiche a partire dalle quali esistono tali storture.

In definitiva, lo spettacolo di Ceresoli e Gallerano indica il luogo di una frattura possibile. Fra soggetto e identità, sesso e potere, attore e personaggio, testo e contesto. Procede per iperboli, esagerazioni grottesche, provocatorie superfetazioni di linguaggio e di immagini: quasi a voler portare le parole nel loro punto di disfacimento significante che si esprime dentro la “tensione all’inorganico” del corpo in scena. Per questo la nudità dell’attrice non solo è necessaria, ma è in qualche modo il punto sia di partenza che d’arrivo della drammaturgia. Esprime il tentativo di concepire il corpo come orizzonte (negativo) di senso e, dunque, come terreno di una presa di coscienza per infinite sperimentazioni. Esprime infine, ed è lo sforzo comune anche di tanta letteratura, di concepire il corpo – che mangia, scopa, caga – come una suprema contingenza, e di contro le contingenze del corpo – la bulimia, il sesso, la merda – come assoluti: nel solco della loro materialità, il teatro diventa una temporanea ipotesi di trascendenza.